Fiat 500C TwinAir: la nostra prova su strada

Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir

Il suo percorso formativo si concluderà a settembre, quando i concessionari esporranno la versione TwinAir equipaggiata con il motore 0.9 bicilindrico da 85 cavalli. La Fiat 500 potrà così raggiungere un equilibrio finora solo accennato, nascosto fra i riflessi di una carrozzeria ormai incapace di rispettare ulteriori promesse commerciali: in attesa del facelift, per conquistare nuovi clienti non resta che rendere maggiormente appetibile la parte meccanica. Perché la concorrenza sgomita, e gli anni di anzianità sono ormai tre - seppure ben portati. Fiat ha dunque deciso di introdurre il due cilindri benzina MultiAir sviluppato da Fiat Powertrain, disponibile nei prossimi anni anche in versione da 65 (aspirato) e 105 cavalli (turbo).

Come ha sottolineato Alfredo Altavilla, amministratore delegato FPT, quest’unità è nata a partire da un foglio bianco senza alcun legame con i propulsori attualmente in gamma. L’assenza di vincoli tecnici ha permesso di progettare due cilindri con cilindrata unitaria di 450cm³, ritenuta l’optimum in funzione dell’utilizzo cittadino. Il TwinAir eroga così i sopraccitati 85 cavalli e 145Nm di coppia (a 1900 giri/min), che permettono alla 500 di raggiungere i 173 km/h accelerando da 0 a 100 km/h in 11 secondi; grazie anche alla presenza del sistema Start&Stop (di serie), i consumi sono contenuti in 4.1l/100km con cambio manuale e 4.0l/100km con trasmissione Dualogic per emissioni di CO2 pari a - rispettivamente - 95 e 92g/km.

Ed è proprio la disponibilità del Dualogic ad avvicinare questa versione all’archetipo dell’utilitaria, fra economie d’utilizzo e semplicità di guida: prezzo a parte (sono necessari almeno 13.250 euro per entrarne in possesso), trovare un difetto oggettivo alla 500 TwinAir è impresa non agevole. Si può indicare il quadro strumenti poco leggibile, o la visibilità posteriore della Cabriolet con capottina abbassata, ma sono vizi non determinanti se rapportati alle sue virtù da perfetta cittadina. I tecnici di FPT sono infatti riusciti a progettare un motore dalla personalità smaccata, complementare all’auto e non più “accessorio” subordinato: da settembre si potrà comprare la 500 per disporre del bicilindrico, senza che l’estetica della carrozzeria rappresenti il primo (e solo?) motivo per l’acquisto dell'utilitaria.

Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir

Questo pensiero si definisce ulteriormente girando la chiave d’accensione. Il TwinAir borbotta come fosse il bicilindrico della 500 originale, emette una sonorità fedele e romantica - per intenderci, è come paragonare vinile e compact disc - e scoppietta con gli stessi intervalli regolari. Colonna sonora studiata a tavolino? Non ci stupiremmo, a riprova della sua personalità ben definita e sconosciuta a motori di pari segmento. Il carattere dello Small Gasoline Engine (SGE) emerge una volta superati i 2.000 giri, quando il sistema di sovralimentazione cancella il fisiologico vuoto ai bassi regimi e trasmette la coppia con dolcezza e progressività. L’arco di utilizzo è concentrato fra i 2.000 ed i 5.000 giri, quando lo 0.9 spinge ancora con decisione, ma dopo i 3.500 giri l’erogazione perde in robustezza e vigore senza tuttavia obbligare a cambiar marcia. Discorso valido solo quando la funzione “Eco” non è attiva.

Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir

I tecnici Fiat hanno infatti predisposto una seconda anima del TwinAir volta a contenere consumi ed emissioni attraverso il taglio della coppia massima (100Nm erogati a 1.750 giri), in parallelo con il passaggio dello sterzo in modalità “City”. Questa configurazione, delegata ad un pulsante posto alla sinistra dell’hazard, smorza le velleità del bicilindrico che avverte così i segni della fatica e si rivela meno incisivo nell’entrare in coppia, obbligando a lavorare con il cambio (dai rapporti in verità piuttosto lunghi). La modalità Eco, insomma, è pensata per ottimizzare i consumi su tragitti a velocità costante. Ad esempio lungo le strade statali, condizione in cui il bicilindrico mostra le sue doti di silenziosità acustica e confort, grazie anche alla sorprendente assenza di vibrazioni.

Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir
Fiat 500 TwinAir e 500C TwinAir

  • shares
  • Mail
83 commenti Aggiorna
Ordina: