Auto Elettriche: servono altri 10 anni di sperimentazione

Secondo l’inglese Institution of Engineering Technology’s (E&T) le auto elettriche hanno bisogno di altri 10 anni di sperimentazione prima di poter essere considerate del tutto adeguate all’utilizzo quotidiano ed alla vendita in massa sui mercati internazionali. La dura affermazione si riferisce sopratutto alle implicazioni a medio e lungo termine legate alle batterie: le case costruttrici

di Ruggeri


Secondo l’inglese Institution of Engineering Technology’s (E&T) le auto elettriche hanno bisogno di altri 10 anni di sperimentazione prima di poter essere considerate del tutto adeguate all’utilizzo quotidiano ed alla vendita in massa sui mercati internazionali. La dura affermazione si riferisce sopratutto alle implicazioni a medio e lungo termine legate alle batterie: le case costruttrici stanno annunciando continuamente sviluppi sui tempi di ricarica, ma mancano dati certi sul degrado delle batterie stesse con l’andare del tempo. Alcune ricerche hanno inoltre evidenziato come sia necessario evitare di raggiungere picchi di carica o scarica elevati, mantenendo invece valori ottimali tra il 20% e l’80%, per prolungare la vita degli accumulatori.

Il peso potrebbe invece rimanere un problema, a meno di scoperte scientifiche sensazionali, un tema che certamente non va d’accordo con l’efficenza globale del veicolo. Un’ultimo dubbio viene sollevato anche in termini di prestazioni e piacere di guida, considerando il passaggio dai propulsori endotermici attuali per l’utente medio. In definitivi l’E&T considera valida la proposta dei veicoli elettrici solo nell’ambito urbano e di spostamenti brevi, ma ritiene prematuro proporre veicoli tradizionali che siano capaci di sostituire totalmente le autovetture tradizionali, in aperto contrasto con le politiche che Inghilterra ed altri stati Europei stanno impostando per incentivare l’acquisto di veicoli ad emissioni zero.

Via | Autocar

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Ibride/elettriche

Tutto su Ibride/elettriche →