Nuova Opel Meriva: tutte le immagini e le informazioni ufficiali

Nuova Opel Meriva

Torniamo a parlare della nuova Opel Meriva, nei giorni scorsi oggetto di una nostra prova su strada. La seconda generazione della MPV tedesca sarà disponibile nelle concessionarie a partire dal mese prossimo, con una gamma composta da 3 motorizzazioni a benzina e 5 diesel, tutte conformi alla normativa Euro 5. I propulsori a benzina seguono la moderna filosofia del downsizing: infatti, oltre al 1.4 da 100 CV, debutta il nuovo 1.4 Turbo da 120 e 140 CV che va a sostituire gli aspirati 1.6 e 1.8 della precedente Meriva. Invece, l'offerta dei diesel è composta dal 1.3 CDTI da 75 CV e 95 CV in versione ecoFlex, mentre il 1.7 CDTI è declinato in tre step di potenza: 100 CV con cambio automatico a 6 rapporti, 110 CV e 130 CV. Secondo le stime di Opel, i due terzi delle Meriva vendute saranno a benzina.

Nel 2011, la gamma della nuova Meriva è destinata ad allargarsi con le versioni dotate di sistema Start&Stop e con quelle alimentate a GPL che rappresenteranno all'incirca il 18% delle vendite. In seguito, debutteranno anche le versioni ecoM a metano, mentre è esclusa la riedizione della versione OPC ad alte prestazioni. In Italia, Opel punta a bissare il successo della prima generazione della Meriva che, dal 2003 a oggi, è stata venduta in oltre 190.000 esemplari. La gamma italiana della nuova Meriva è declinata negli allestimenti Elective e Cosmo, con dotazioni di serie pressocché identici ai medesimi allestimenti di Insignia e Astra. L'equipaggiamento standard comprende già 6 airbag, ESP, ABS, cerchi in lega da 16 pollici, Cruise Control, freno di stazionamento elettrico e tutti i sistemi Flex.

Per quanto riguarda le motorizzazioni, la nuova Opel Meriva sarà commercializzata in Italia con i propulsori 1.4 da 100 CV, 1.4 Turbo da 120 e 140 CV, 1.3 CDTI da 75 CV, 1.3 CDTI ecoFlex da 95 CV e 1.7 CDTI da 110 CV. Tutti i propulsori garantiscono il 15% in più di potenza e il 10% in meno di consumi ed emissioni. Le versioni di volume saranno quelle equipaggiate con i motori 1.4 Turbo da 120 CV e 1.3 CDTI da 95 CV. Ponendosi a cavallo tra i segmenti B e C, la monovolume compatta di Russelsheim competerà ad armi pari con Citroen C3 Picasso e Lancia Musa, ma anche con Renault Scénic, Mercedes Classe B e Volkswagen Golf Plus. Il listino prezzi della nuova Meriva parte da 16.250 euro. Le versioni diesel costano 1.500 euro in più e quelle abbinate all'allestimento Cosmo hanno un prezzo più alto di 2.000 euro, mentre lo scarto tra una motorizzazione e l'altra è quantificato in 1.000 euro.

Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva

Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva

In pratica, la nuova Opel Meriva ha un prezzo di listino più basso di 400 euro - pari al 5% - che sale a 750 euro, a parità di equipaggiamento. Per quest'anno, Opel Italia prevede di raccogliere 10.000 ordini e di immatricolare 8.000 unità di Meriva, mentre per il 2011 l'obiettivo sale a 20.000 unità. La filiale italiana della Casa di Russelsheim punta fortemente sulla vendita a privati e, di conseguenza, farà meno ricorso ai noleggi e alle km zero.

Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva

Tornando alle caratteristiche della vettura, tutta l'attenzione è concentrata sul sistema FlexDoors delle portiere che hanno un'apertura a libro ispirata ai taxi londinesi o alla Rolls-Royce Phantom. Anzi, gli ingegneri di Opel ringraziano la Casa di Goodwood che hanno consentito di introdurre la nuova norma che non vieta più le porte ad armadio sulle vetture. In passato, questo sistema è stato utilizzato per la Kadett del '36, mentre nel 2005 è stato realizzato un prototipo sulla base della precedente Meriva dotato di porte asimettriche che ha superato i test di funzionalità delle portiere posteriori controvento.

Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva

Nelle fasi di sviluppo della nuova Meriva sono state prese in considerazione anche le porte scorrevoli, soluzione poi accantonata perché, nonostante la più facile accessibilità, necessitano del binario e di un incremento della lunghezza di 20 cm, il che si traduce in un incremento di peso e nell'innalzamento del baricentro. Il sistema FlexDoors consente un'apertura di 84 gradi per le porte posteriori, maggiore rispetto ai 67 gradi standard delle porte convenzionali. Inoltre, le porte controvento della Meriva offrono quattro step di apertura e chiusura. L'introduzione del sistema FlexDoors è stato possibile grazie all'irridimento del montante centrale e prevede anche il dispositivo che, superati i 4 km/h di velocità, chiude automaticamente le portiere posteriori qualora non fossero state chiuse perfettamente. Tuttavia, c'è un LED di colore verde che avvisa la non chiusura delle portiere posteriori.

Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva

Il sistema FlexDoors è stato scelto anche perché consente un facile accesso negli spazi ristretti ed una facile introduzione del seggiolino, nonché un minor utilizzo della colonna vertebrale, come certificato dall'ente AGR. In pratica, nella Meriva tutto è stato concepito per la massima flessibilità ed ergonomia, in cui contribuiscono anche il sistema FlexSpace dei sedili, i 32 vani portaoggetti ordinati secondo il sistema FlexFix, mentre il sistema FlexRail prevede il binario per il bracciolo scorrevole.

Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva

Infine, il sistema FlexDoors sarà al centro della campagna pubblicitaria di lancio, accompagnata dallo slogan "Embrace Life", ovvero "braccia aperte", tradotto in italiano con il claim "Apriti al mondo". Per quanto riguarda il futuro, il sistema FlexDoors potrebbe essere proposto anche sulla terza generazione della Zafira, mentre è categoricamento escluso il suo utilizzo sulla Insignia perché non ha sufficiente spazio sulla parte posteriore per poter accogliere questa soluzione.

Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva
Nuova Opel Meriva

  • shares
  • Mail
18 commenti Aggiorna
Ordina: