Mercato Auto Italia Luglio 2013: -1,9%

Continua il declino del mercato auto in Italia: a luglio le immatricolazioni calano dell'1.9% rispetto allo scorso anno, ma crescono ibride e auto a Metano. L'obbiettivo di 1.3 milioni di vetture nel 2013 è sempre più lontano.

Il Mercato Auto italiano è ancora in calo. A luglio le immatricolazioni hanno fatto segnare una flessione dell'1.9% rispetto allo stesso periodo del 2012, per un totale di 107.514 automobili immatricolate. Una lieve flessione, certo, ma in un mercato che è in continua discesa rispetto al passato, con un calo delle vendite, nei primi sette mesi del 2013, del 9.2%, che è risultato in 839.481 immatricolazioni. Continuando di questo passo la previsione di chiudere il 2013 con 1 milione e 300 mila automobili vendute in Italia sembra ancora lontana, con il mercato che quasi sicuramente si contrarrà al di sotto di tale soglia.

Ormai da 38 mesi il mercato italiano dell'auto è in continuo declino e raggiungere 1.3 milioni di immatricolazioni entro fine anno pare sempre più difficile, soprattutto se il Governo non alleggerirà la pressione fiscale. Dati che fanno tornare agli anni sessanta, sottolineando ancora una volta le difficoltà del nostro paese.

I primi quattro costruttori, per numero di vendite in Italia, fanno segnare tutti pesanti variazioni in negativo delle immatricolazioni. Fiat, prima assoluta con 22.621 vetture, è in calo del 5.98% rispetto al luglio 2012 quando vendette 24.059 auto. Simile la situazione di Volkswagen, con 8.392 auto ed un -6.93%, e di Opel, con -5.99% per un totale di 5.292 automobili immatricolate a luglio. Ford, terza per numero di immatricolazioni, subisce una flessione del 10.78%, con 6.894 auto contro le 7.727 dello scorso luglio, con i primi sette mesi dell'anno chiusi al -15.24%.

Pochissimi i segni più nella variazione delle vendite tra il luglio dello scorso anno ed il mese appena passato, con Renault in crescita dl 21.40%, così come Toyota che fa segnare un +21.86% o Mercedes con un +32.09% frutto, principalmente delle immatricolazioni della nuova Mercedes Classe A. Anche Dacia aumenta del 21.4%, così come Skoda con un +45.22 e Seat, con +14.47. Altre case, come Audi, BMW, Kia, Chevrolet, Suzuki, Volvo e Porsche hanno dei timidi segni più davanti alla loro variazione, senza contare i gruppi di nicchia con un basso numero di immatricolazioni. Tuttavia il mercato continua a scendere anche per questi costruttori, salvo qualche eccezione, con la tabella di confronto tra i primi sette mesi del 2012 e lo stesso periodo del 2013 costellata di segni meno, in un mercato malato e difficilmente recuperabile senza interventi concreti del Governo.

Tra i modelli più apprezzati dal mercato Italiano vi sono la Fiat Panda, con 7.373 unità, la Fiat Punto con 5.483 e la Lancia Ypsilon con 4.078 immatricolazioni. Seguono la Fiat 500L con 3.529 e la Fiat 500 con 3.447 immatricolazioni nel mese di luglio. Tra le piccole regine del mercato anche la Citroen C3, la Ford Fiesta e la Volkswagen Polo, che rispettivamente hanno venduto 2.923, 2.490 e 2.420 unità ciascuna. Chiudono poi la classifica delle prime dieci l'Alfa Romeo Giulietta con 2.399 immatricolazioni e la Volkswagen Golf con 2.224 unità messe su strada.

Per quanto riguarda le varie alimentazioni, il mercato privilegia le auto a Metano, con benzina, diesel e GPL in calo. Le auto a benzina hanno infatti subito una flessione delle immatricolazioni dell'8.49%, con il mercato delle auto a gasolio leggermente in calo, con un -0.72% che si accompagna al -11.73 delle auto a GPL. In forte rialzo, ben il 49.52%, le immatricolazioni delle auto a Metano, con ben 5.767 unità, principalmente dovuto ai mercati del nord Italia dove la rete distributiva è più presente. Bene anche le ibride, con un +132.50% che risulta in 1.302 unitò vendute, di cui 1.192 marchiate Toyota e Lexus, così come il mercato delle elettriche che, con 70 esemplari immatricolati, sale del 133.33%.

  • shares
  • Mail
30 commenti Aggiorna
Ordina: