Lista prezzi carburanti in Europa

L'Italia ai vertici delle classifiche per i prezzi dei Carburanti più cari. Risparmiare però è possibile, ecco come fare benzina spendendo meno in Europa e nel Mondo.

Diesel Benzina

In questi giorni di partenze per le ferie, ancor di più rispetto a quando si fa rifornimento durante il resto dell'anno, ci si chiede perchè benzina e gasolio costino così tanto in Italia. Tasse, accise e oneri statali hanno fatto incrementare vertiginosamente negli anni il costo della benzina e del gasolio, fino a sfiorare i 2 euro al litro. Il prezzo della benzina senza piombio in Italia è di 1.783 euro, con anche il diesel che continua a salire nel suo costo finale per i consumatori.

Attualmente infatti il gasolio ha un prezzo di 1,662 euro al litro, ma a seconda del benzinaio scelto, si può facilmente arrivare ad oltrepassare 1,8 euro al litro. Nella classifica europea per costo del gasolio, l'Italia è il terzo paese più caro, dietro solo a Norvegia e Turchia. Passando i confini del nostro Stato è però possibile fare rifornimento a prezzi molto più vantaggiosi, come ha twittato ieri il nostro direttore Antonello Piroso, che potete seguire ogni giorno su Blogo.it e su Blogo in Diretta:


Una differenza di quasi 40 centesimi di euro al litro, circa il 20%, tra Italia e Francia è infatti un abisso causato unicamente da tasse ed accise statali, che oltre a far diminuire i consumi, rovinano anche il mercato dell'auto. Negli stati confinanti con l'Italia però si possono trovare anche prezzi ancor minori rispetto a quelli francesi: in Slovenia un litro di verde si compra con 1,518 euro, mentre per il gasolio bastano 1,392 euro. In Svizzera la benzina è venduta a 1,441 euro al litro, con il diesel a 1,541, mentre in Austria il prezzo della senza piombo è identico, ma il gasolio costa ancora meno: 1,340 euro al litro.

Possiamo però tirare un sospiro di sollievo, almeno per ora, se siamo al volante di un'auto a GPL: l'Italia è al sedicesimo posto per quanto riguarda il costo del gas, ma con 2.346 stazioni vanta il quinto posto nella classifica dei punti di rifornimento sul territorio. La tassazione del gas per autotrazione varia molto da paese a paese, basti pensare che in Danimarca il GPL è venduto a 1,218 euro, contro gli 0,752 euro in Italia, mentre il paese dove costa meno in Europa è la Lettonia, con 0,506. Questa è l'ennesima dimostrazione che il costo dei rifornimenti è principalmente influenzato dalle tasse, oltre che dalle fluttuazioni del valore di mercato del greggio.

L'Italia si conferma quindi uno degli Stati più cari d'Europa per quanto riguarda i carburanti per l'autotrazione, ma spostandosi, magari per le ferie estive, oltre confine, si può fare il pieno spendendo sensibilmente meno. Tra i paesi meno cari per fare il pieno vi sono la Bielorussia, l'Ucraina e la Georgia, dove un litro di verde costa meno di un euro, ma se proprio si vuole spendere il meno possibile, bisogna andare dal produttore, nei pozzi petroliferi del Kuwait dove i benzinai vendo un litro di benzina a 0,172 euro ed un litro di gasolio a 0,146 euro.

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: