I 5 sistemi di sicurezza del futuro? Li elenca l'Huffington Post

Quali saranno i più intelligenti ed efficaci sistemi di sicurezza del futuro? L'Huffington Post ne elenca cinque, tutti destinati a migliorare le condizioni di guida ed a trasformare l'automobile in un mezzo di trasporto sempre più intelligente ed indipendente.

a:2:{s:5:"pages";a:6:{i:1;s:0:"";i:2;s:40:"Collision Warning con frenata automatica";i:3;s:21:"Telecamere aggiuntive";i:4;s:16:"Lane Keep Assist";i:5;s:13:"Fari adattivi";i:6;s:10:"Start&Stop";}s:7:"content";a:6:{i:1;s:1229:"volvo_safety_system

I sistemi di sicurezza e di assistenza alla guida possono facilmente essere identificati come gli ambiti a cui le aziende automobilistiche dedicano maggior risorse. Mercedes e Volvo lo hanno da poco ribadito. Questi due marchi sono infatti i più sensibili ed impegnati nello sviluppare tecnologie di ultima generazione, come ad esempio il sorprendente sistema di parcheggio automatico che verrà implementato sulla nuova XC90. L’argomento è ora affrontato anche dall’Huffington Post, che dedica un articolo alle 5 migliori soluzioni destinate alle automobili di prossima introduzione.

";i:2;s:1059:"

Collision Warning con frenata automatica


La piattaforma del sistema è composta da un potente radar anteriore, che avvisa il conducente qualora la velocità della propria automobile sia troppo elevata rispetto al mezzo che precede. Il sistema invia così un segnale d’allarme ed eventualmente interviene per frenare la vettura, fino ad arrestarla completamente. Un ricercatore dell’Insurance Institute for Highway Safety ha determinato che il solo Collision Warning riduce gli incidenti del 7%, promettendo un’efficacia superiore del sistema con frenata automatica. Le future evoluzioni di questa tecnologia permetteranno al cervellone di gestire ulteriori situazioni di pericolo, come ad esempio animali o vetture che sbandano fuori strada.

";i:3;s:1097:"

Telecamere aggiuntive


La miniaturizzazione ed il costo via via inferiore delle telecamere hanno avuto una fattiva influenza nella loro diffusione. Nissan ad esempio utilizza il sistema Around View, composto da quattro telecamere e che permette al conducente di vedere l’intera superficie circostante il proprio veicolo. Una società israeliana specializzata nella produzione di telecamere ad uso automobilistico rivela che le future applicazioni potranno rilevare animali, il colore dei semafori e addirittura se la vettura viaggia in senso contrario. Nissan e TRW stanno poi lavorando ad una nuova telecamera, che interagisce con un cervellone e permette all’automobile di evitare un ostacolo senza l’aiuto del conducente.

";i:4;s:874:"

Lane Keep Assist


Il Lane Keep Assist utilizza anch’esso una telecamera e permette a ciascuna automobile di mantenersi in corsia. Questo sistema ha ancora una diffusione limitata e costi decisamente variabili: basti sapere che una Ford Fusion lo mette a disposizione per 1.300 dollari, cifra che aumenta a 4.320 dollari per la Toyota Prius. I dispositivi ‘lane-centering’ hanno progressivamente sostituito i ‘lane-keeping’, che semplicemente generavano una vibrazione od un beep qualora l’automobile oltrepassasse le linee a demarcazione della corsia.

";i:5;s:825:"

Fari adattivi


Le soluzioni destinate alla fanaleria rappresentano un filone particolarmente vivace ed interessante. L’Huffington Post si è concentrato sui fari adattivi, ma non vanno dimenticati i sistemi full-LED: questi ultimi restituiscono un fascio uniforme e profondo, che i normali proiettori alogeni non sanno e non riescono minimamente garantire. Nello specifico i fanali adattivi seguono il movimento del volante (e quindi della curva) e ‘sparano’ il fascio dov’è necessario, senza disperderlo.

";i:6;s:900:"

Start&Stop


Il sistema di accensione e spegnimento automatico è forse il più comune e tradizionale. Non serve certo spiegarne il funzionamento, ma è decisamente più interessante valutarne le ripercussioni. Alex Molinaroli, della società Johnson Controls Inc, ha ad esempio stabilito che lo start&stop diminuisce i consumi del 5%. Questa soluzione è ormai diffusissima in Europa. Ha invece raccolto minori adesioni negli Stati Uniti, che dovranno invece abituarcisi: oggi le automobili consumano in media 7.6 litri di carburante ogni 100 chilometri, valore che dovrà ridursi fino a 4.3 l/100 km nel 2025.";}}

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: