Fiat: "Nessun altro stabilimento è in pericolo" secondo Marchionne

Sergio Marchionne - Saab

L'amministratore delegato Fiat Sergio Marchionne è tornato oggi sul nodo delle fabbriche italiane del Gruppo, annunciando che oltre a Termini Imerese, impianto destinato a chiudere a fine 2011, "nessun'altra fabbrica è a rischio". L'intervento odierno di Marchionne all'Unione Industriale di Torino è poi proseguito con un commento sulla vicenda degli incentivi.

In riferimento alle dichiarazioni rilasciate ieri dal Ministro Scajola ("gli incentivi 2010 saranno riservati a settori diversi dall'auto"), Marchionne ha affermato che "la scelta di non rinnovarli è stata concordata con il Governo". L'ad tuttavia, non ha nascosto che la decisione comporterà inevitabilmente delle conseguenze negative nel corso del 2010: "Senza incentivi venderemo 350.000 auto in meno in Italia", ha concluso Marchionne.

  • shares
  • Mail
54 commenti Aggiorna
Ordina: