Audi Q5: la variante ibrida adotterà il 2.0 TFSI

Audi Q5

La Audi Q5 ibrida sarà basata con ogni probabilità sulla meccanica della versione 2.0 TFSI. Il modello, che dovrebbe debuttare al prossimo Salone di Ginevra, potrebbe raggiungere valori di emissioni davvero interessanti, dalle parti dei 140 g/km di CO2. La variante termica di partenza -sia nel powerstep da 180 CV che in quello da 210 CV, per capirci, si attesta sui 195 g/km.

La Q5 sarà una full hybrid, capace cioè di percorrere brevi distanze (circa 3 km secondo quanto rivelato da Michael Dick ad auto, motor und sport) con la sola propulsione elettrica. Il motore elettrico sarà inoltre alimentato da batterie agli ioni di litio. Come anticipavamo un paio di settimane fa poi, dopo la Q5 verrà il momento della A8 ibrida.

L'ammiraglia si appresta peraltro ad accogliere in gamma il 3.0 V6 TFSI come nuova motorizzazione entry level. Non solo: Michael Dick ha anche rivelato che la casa sta collaudando il 2.0 TFSI per adottarlo sulla grande berlina, ma al momento attuale l'ipotesi della produzione sembra piuttosto remota. Questione d'immagine: quattro cilindri e pretese da ammiraglia non si sposano bene secondo Audi.

Audi Q5
Audi Q5
Audi Q5
Audi Q5

La casa però, in barba a questi scrupoli, tornerà a proporre la A8 con la sola trazione anteriore, in abbinamento al 3.0 V6 TDI. Questa versione dovrebbe contenere le emissioni di CO2 entro i 160 g/km. Ma i piani ecologici non si fermano qui: nel corso del 2012 Audi metterà in produzione la R8 elettrica.

Produzione rigorosamente limitata, sia chiaro: per il primo anno si prevedono solo 100 unità, e in totale non verranno superati i 1000 esemplari. Discorso del tutto diverso per la seconda Concept E-Tron, quella presentata qualche settimana fa al Salone di Detroit: il compatto coupé elettrico non raggiungerà mai la serie, secondo quanto dichiarato da Michael Dick.

  • shares
  • Mail
40 commenti Aggiorna
Ordina: