Giudici di Pace: in sciopero contro la "Tassa sui ricorsi"

Fino al 5 febbraio, i Giudici di Pace sciopereranno contro la "Tassa sui ricorsi" per le multe, introdotta dal Governo con la Finanziaria 2010. Lo ha comunicato l'Unagipa, l'Unione nazionale dei giudici di pace che già aveva manifestato il suo dissenso subito dopo l'approvazione della legge da parte del Parlamento, nonostante questa sia una manovra per consentire una riduzione degli ingenti ricorsi che, ogni anno, vengono presentati ai magistrati onorari e, inevitabilmente, bloccano la macchina amministrativa.

I Giudici di Pace protestano contro la tassa da 38 euro - composta da un contributo di 30 euro, a cui si aggiungono gli 8 euro di marca da bollo - perché considerata una "aggressione del diritto fondamentale di ogni cittadino alla tutela giudiziaria dei propri diritti ed interessi legittimi", come recitano gli articoli 24 e 113 della nostra Costituzione. Così, l'Unagipa afferma e conferma la volontà dei Giudici di Pace nel servire i cittadini, anteponendo la professionalità al presunto maggior tempo libero.

Via | Quattroruote

  • shares
  • Mail
23 commenti Aggiorna
Ordina: