Lamborghini: nessun ulteriore aumento di potenza. Le attenzioni saranno dedicate al contenimento dei pesi


Stephan Winkelmann, amministratore delegato Lamborghini, ha definito conclusa la cieca escalation nello stabilire nuove potenze massime. Il Toro alza bandiera bianca, senza che la decisione abbia il sapore della resa. Tutt’altro. “Ormai abbiamo raggiunto un punto di non ritorno, per cui l’accelerazione 0-100 ha lo stesso valore numerico del consumo medio”, ha spiegato Winkelmann. “Dobbiamo sviluppare nuove strategie per contenere consumi ed emissioni. La situazione attuale è insostenibile”.

“Il rapporto fra peso e potenza sarà la chiave di lettura per interpretare il futuro delle vetture sportive”, ha rincarato Maurizio Reggiani, responsabile Lamborghini per la Ricerca e lo Sviluppo. “Utilizzeremo materiali compositi per ridurre le masse e migliorare il bilanciamento”. Reggiani ha poi accennato alla Murcielago LP670-4 SV, precisando come “nessuno possa davvero accorgersi dei 30 cavalli aggiuntivi, ma chiunque la guidi per qualche chilometro potrà notare quanto sia più leggera ed immediata rispetto al modello d’origine”.

Le Lamborghini dei prossimi anni non avranno il sistema start/stop, dimostratosi inefficace con propulsori dall’elevato frazionamento: considerata la notevole complessità nel rimettere in moto un V12, se il sistema fallisse senza riuscire poi ad alimentare anche un solo cilindro si avrebbe un surplus di emissioni rispetto all’utilizzo standard.




  • shares
  • Mail
19 commenti Aggiorna
Ordina: