Fiat: sciopero generale CGIL contro la chiusura di Termini Imerese


La CGIL ha annunciato lo sciopero generale nazionale per contestare il piano industriale Fiat che prevede lo stop della produzione di auto a Termini Imerese a partire dal 2012. Ancora non è stata presa una decisione definitiva sulla data della giornata di protesta, ma il segretario generale della Fiom Gianni Rinaldini, ha parlato comunque di tempi rapidi, probabilmente entro un mese.

Giovedì prossimo le tre sigle Fiom, Fim e Uilm si riuniranno per definire le modalità della protesta, ma a quanto pare si tratterà di uno sciopero di 8 ore. Rinaldini ha parlato della chiusura di Termini Imerese come di una decisione "inaccettabile" e di "un problema nazionale".

La Fiom ha anche bocciato l'ipotesi Cimino, presentata dall'imprenditore di origini siciliane che aveva annunciato la sua volontà di acquisire lo stabilimento per produrvi auto ecologiche. La cordata suddetta è stata bocciata anche dall'UGL Metalmeccanici che, come dichiarato dal segretario nazionale Giovanni Centrella preferisce "tentare tutte le strade possibili per convincere il Lingotto a continuare a produrre auto a Termini prima di sondare ipotesi alternative".

Via | SiciliaToday

  • shares
  • Mail
39 commenti Aggiorna
Ordina: