Autoblog al "Pirelli Tour of the Alps" - 1° Giorno

Autoblog al

290 chilometri, da Malpensa al Passo dello Stelvio. Quindici gradi alla partenza, meno cinque all’arrivo. Tanti tornanti da rendere euforico anche un pilota professionista. La prima giornata del “Tour of the Alps” Pirelli si è conclusa con una bufera da “notte dei tempi”. Fra neve fresca e ghiaccio, i pneumatici hanno sempre mostrato di aderire all’asfalto come una stella marina allo scoglio.

Immagini di sole e temperature miti – condizioni presenti lungo la tangenziale milanese –, dove lo Winter Snowcontrol II si è confermato fedele compagno di viaggio: rumore di rotolamento percepibile a poco più di un sussurrio, nessuna reazione al volante o “schiribizzi” da eccessiva rigidezza. Giusto qualche scossone trasmesso sulle giunture dell’asfalto, ma è naturale con una mescola più dura rispetto alle coperture estive.

Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al

Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al

Se poi l’auto è equipaggiata con il controllo di trazione, la motricità è assicurata anche in caso di “pestone” sull’acceleratore a centro curva; in caso contrario, senza ASR, il pattinamento si risolve nella classica fossetta sul nevischio, con seguente balzo in avanti. Se poi l’asfalto è bagnato, come testato lungo la pista di Vizzola, la sincerità dell’auto raggiunge livelli da “scopolamina”: lo scivolamento è naturale e prevedibile, senza alcun movimento non preventivato.

Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al

Parlando con i tecnici, i “rolling resistance”, “wet breaking” e “noise test” sembrano i loro hobby preferiti: cosa fai questa sera? Mah, un po’ di “wet braking” dagli 85 km/h. E così, la solerzia degli esperti può essere testata a livello pratico, valutata, apprezzata: i risultati dei loro test sono evidenti. Davvero.

Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al

Durante il viaggio ci si può concentrare solo sul seconda-terza-freno-seconda-curva, guidando a mente aperta. Godendosi il paesaggio, i romantici colori da impressionismo “monet-iano”. Bello, eh. A domani per il secondo aggiornamento, in cui la “carovana” si sposterà fino a St.Anton (Austria), dopo una mattina scandita da: sveglia alle sei e mezza, corsa su slitta e la tanto “ululata” partita contro la Nazionale Italiana Modelle.

Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al
Autoblog al

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: