Cessione Opel: la Merkel auspica progressi prima delle elezioni

Angela Merkel

Angela Merkel si augura che possano esserci progressi sulla vendita di Opel prima delle elezioni presidenziali tedesche: in particolare il cancelliere tedesco guarda con speranza al 7-8 settembre, quando si riunirà il cda di General Motors. Dopo il vertice di ieri tra GM e Berlino, finito con un bel buco nell'acqua, la Merkel ha dichiarato: "Prendiamoci il tempo necessario: in programma c'è un incontro del board il 7-8 settembre. Mi auguro che per allora avremo fatto dei progressi".

"Crediamo -ha aggiunto in un'intervista televisiva- che sia corretto che per il futuro di Opel, GM Europe e GM stessa, una decisione sia presa il prima possibile. Ma se ci sono problemi da risolvere allora la fretta passerà in secondo piano".

Già, la fretta. La signora Merkel il 29 settembre deve affrontare le elezioni presidenziali, e questo nodo ancora da sciogliere non è certo l'ideale in piena campagna: il governo continua a privilegiare Magna, ma GM da parte sua preferirebbe vendere Opel ai belgi di RHJ e potrebbe aspettare l'esito delle elezioni per favorire questa soluzione. Non solo: si dice che dopo il vertice di ieri, anche una parte dell'esecutivo si sarebbe convinta della soluzione RHJ, a condizione che i belgi trovino un solido partner industriale.

"Noi abbiamo una netta preferenza per Magna, e c'è anche un contratto in questo senso" taglia corto la Merkel. Che coglie l'occasione per sottolineare, in coro con il ministro per l'economia zu Guttenberg, l'infondatezza del ripensamento di GM sulla cessione. "Questa soluzione non ci è mai stata prospettata" chiudono i due. Riuscirà il governo tedesco a realizzare i suoi piani?

Via | Repubblica

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: