Cessione Opel: decisione rimandata, restano Fiat e Magna

Logo Opel Come anticipato, il vertice durato 12 ore in Germania non ha stabilito un vincitore per la cessione di Opel, ma le uniche due offerte rimaste sul piatto sono quelle di Fiat ed Magna International, eliminando sia la cinese Baic che il fondo Ripplewood. Il ministro tedesco Zu Guttenberg ha preso tempo, rimandando la decisione a venerdì e chiedendo un ulteriore affinamento delle offerte e sembra quindi tramontata l'ipotesi di congelare l'intera operazione in attesa delle elezioni di Settembre.

Anche General Motors ha fatto la sua parte, sorprendendo tutti con una richiesta di ulteriori 300 milioni da girare ai contendenti, che dovranno così rivedere i loro piano a causa di questo non trascurabile dettaglio. Berlino, a sua volta, ha chiesto ulteriori informazioni al Tesoro Americano, senza le quali è impossibile chiarire al meglio la situazione. A questo punto, un prestito ponte ed una bancarotta pilotata potrebbero rappresentare una ipotesi valida, in attesa che gli accordi con il nuovo partner siano finalizzati.

Via | Repubblica

  • shares
  • Mail
37 commenti Aggiorna
Ordina: