Porsche riceve un prestito di 700 milioni da VW: nuovo capitolo per la saga della fusione

Porsche eats Volkswagen

La storia infinita della fusione tra Volkswagen e Porsche si arricchisce oggi di un nuovo passaggio chiave. La casa di Zuffenhausen ha confermato di aver ricevuto da Wolfsburg un prestito di 700 milioni di euro, puntualizzando che non si tratta di un aiuto volto a fronteggiare i debiti: "Non siamo sull'orlo dell'insolvenza, anche se qualcuno continua a ripeterlo" ha dichiarato un portavoce ufficiale della casa, riferendosi ovviamente alla stampa.

I dubbi dei media sono sorti in seguito allo stallo del processo di acquisizione da parte di Porsche, ed alla successiva evoluzione di questo in una trattativa volta a ricercare una fusione tra le due case. Ad oggi Porsche, che detiene il 50,76% delle azioni VW, ha abortito il tentativo di salire al 75% del gigante tedesco: prioritario è ora riassorbire un debito fattosi assolutamente preoccupante.

Le rassicurazioni dei portavoce ufficiali comunque non bastano ad arginare le ipotesi della stampa: Der Spiegel ad esempio scrive esplicitamente che Porsche userà questi 700 milioni per raddrizzare parzialmente i conti in questa prima metà del 2009. Per quanto riguarda le trattative infine, l'annuncio dell'accordo, previsto inizialmente per i primi di giugno, è ancora lungi dall'arrivare: ad oggi non si parla più di scadenze e la definizione di tutto il quadro è rimandata a data da definirsi.

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: