General Motors seguirà il modello di bancarotta adottato per Chrysler

gm reinassance center

Oramai negli Stati Uniti non si parla più in termini ipotetici della bancarotta di General Motors: l'attenzione di tutti, soprattutto dopo la mega-cessione di azioni dei grandi manager, sembra concentrarsi su "come" questo passaggio dato ormai per scontato avverrà. Secondo GM stessa si seguirà un modello di bancarotta pilotata analogo in tutto a quello attuato con Chrysler.

Il costruttore ha comunicato inoltre che gli sviluppi della bancarotta controllata Chrysler vengono seguiti passo per passo, soprattutto per quanto riguarda il drastico taglio del debito, misura alla quale GM provvederà anche autonomamente, sia con lo storico taglio di concessionari USA di cui vi davamo conto in mattinata, che attraverso un accordo con il sindacato UAW, atteso entro settimana prossima.

Questa intesa prevederebbe un taglio del costo del lavoro pari a un miliardo di dollari l'anno, ed una parallela riduzione delle provvigioni in favore del fondo per i lavoratori in pensione pari a 10 miliardi di dollari. In pratica, sarebbe il dimezzamento esatto di questo specifico capitolo di spesa, secondo il Wall Street Journal. L'UAW, analogamente a quanto accaduto nel caso di Chrysler, entrerebbe infine in possesso del 39% della nuova GM. Presto, gli ulteriori sviluppi.

  • shares
  • Mail
19 commenti Aggiorna
Ordina: