Nuovi dettagli tecnici della Porsche 911 GT3 3.8: l'intervista di Drivers Republic con Andreas Preuninger


In occasione del salone di Ginevra, teatro del debutto della nuova Porsche 911 GT3 3.8, i ragazzi di Drivers Republic sono riusciti a fare due chiacchiere con Andreas Preuninger, il manager della gamma di modelli ad alte prestazioni. Un appassionato vero, a giudicare dall'enfasi con cui sottolinea le novità dell'ultima GT3 nel file audio che i colleghi inglesi ci hanno segnalato.

Torniamo quindi a parlare della GT3, dopo che ne avevamo già descritto molti degli aggiornamenti tecnici. Preuninger sottolinea come il 70% dei clienti Porsche usi la propria GT3 nei track day e che, quindi, i suggerimenti e le esigenze dei clienti siano la principale fonte dalla quale attingere per migliorare il prodotto. Un esempio lampante è quello dell'aerodinamica: il frontale è infatti stato dotato di un paraurti con sfogo d'aria simile alle versioni Cup, triplicando la spinta aerodinamica e migliorando il raffreddamento, ma sopratutto donando maggior stabilità alle alte velocità. Al posteriore, per bilanciare l'assetto aerodinamico, l'alettone è stato rivisto di conseguenza.





L'impianto frenante è stato maggiorato ed alleggerito, anche per recuperare peso rispetto ad altre soluzioni ereditate dalle 997 restyling (ad esempio i fari a Led di posizione che pesano in tutto ben 4kg extra...). L'impianto carboceramico optional è stato rivisto, alleggerito ed è specifico per questa nuova versione. Sempre in tema di pesi, il sistema per alzare il frontale e superare dossi rallentatori ed ostacoli è stato studiato per pesare il meno possibile e le componenti sono state posizionate in basso ed al centro del frontale per bilanciare al meglio il peso aggiuntivo.



L'assetto ha ricevuto alcuni ritocchi: le molle sono sono state indurite (le anteriori adesso sono equivalenti alla GT2), tutti i settaggi sono regolabili e le barre prevedono 4 step anteriori e 5 step posteriori. Sterzo e differenziale sono gli stessi della 997 GT3 3.6, ritenuti perfetti anche per questa versione.



Per ultimo, non certo per importanza, il motore. Il nuovo 3.8 è l'ennesima, ed ultima, incarnazione del monoblocco che fu della GT1: per questo non adotta l'inezione diretta DFI, ma consente di spremere potenza ed aumentare la cilindrata con facilità. Questa nuova versione da 435Cv è stata messa a punto per garantire più coppia ai medi regimi, inoltre potrà beneficiare dell'innovativo sistema di supporti attivi: Preuninger ha spiegato che in una vettura con motore posteriore a sbalzo come la 911 i movimenti del motore su suoi supporti, che possono raggiungere gli 80mm, peggiorano la dinamica dell'auto. Al contrario, utilizzando supporti da competizione, il confort sarebbe azzerato, con valori di spostamento inferiori ai 2mm: grazie al nuovo sistema attivo la vettura può passare dal setup "morbido" a quello "duro" ottimizzando così prestazioni e confort.




Porsche 911 GT3 3.8
Porsche 911 GT3 3.8
Porsche 911 GT3 3.8
Porsche 911 GT3 3.8

  • shares
  • Mail
37 commenti Aggiorna
Ordina: