Crisi Americana: nei piani di ristrutturazione Chrysler e General Motors chiedono nuovi finanziamenti

Il governo Americano ha ricevuto da General Motors e Chrysler i piani di ristrutturazione richiesti, ora al vaglio della nuova task force diretta da Timothy Geithner, segretario del tesoro del governo Obama: i due colossi statunitensi tornano a parlare di finanziamenti, chiedendo nuovi fondi oltre a quelli già erogati e previsti.Chrysler licenzierà 3000 dipendenti e

di Ruggeri


Il governo Americano ha ricevuto da General Motors e Chrysler i piani di ristrutturazione richiesti, ora al vaglio della nuova task force diretta da Timothy Geithner, segretario del tesoro del governo Obama: i due colossi statunitensi tornano a parlare di finanziamenti, chiedendo nuovi fondi oltre a quelli già erogati e previsti.

Chrysler licenzierà 3000 dipendenti e chiede altri 5 miliardi di dollari, mentre General Motors licenzierà 47.000 dipendenti (di cui 26.000 fuori dagli Stati Uniti), chiuderà 12 stabilimenti entro il 2012, chiedendo però altri 16,6 milardi dollari e sottolineando che già tra un mese potrebbero esserci problemi di liquidità per l’azienda. Queste scelte sarebbero comunque più economiche rispetto all’a mministrazione Controllata ed alla cessione, nel qual caso la spesa toccherebbe i 100 milardi di dollari. Sarà inoltre necessario adeguare la produzione a volumi inferiori, anche considerando una futura ripresa delle vendite.

Chrysler ha già previsto il pensionamento dei modelli Dodge Aspen, Durango e Chrysler Pt Cruiser e sottolinea l’importanza dell’accordo strategico con Fiat, con la prospettiva di lanciare ben 24 nuovi modelli nei prossimi 4 anni. General Motors punterà tutto sui marchi forti Chevrolet, Cadillac, Buick e GMC, cercando di cedere prima possibile Saab e Hummer, mentre il destino di Saturn sembra ormai segnato.

Via | LaStampa

Ultime notizie su Annunci

Annunci, presentazione di nuovi modelli.

Tutto su Annunci →