General Motors: tagli agli stipendi e 10.000 licenziamenti

L’annuncio è appena arrivato: dalla fine del 2009 General Motors taglierà 10.000 posti di lavoro, confermando quanto era nell’aria da qualche giorno. Nell’ottica di drastica riduzione dei costi di produzione, il gruppo di Detroit ha anche annunciato riduzioni allo stipendio dei dipendenti americani, che diventeranno effettive dal prossimo 1° maggio.Dei 10.000 licenziamenti, circa un terzo

L’annuncio è appena arrivato: dalla fine del 2009 General Motors taglierà 10.000 posti di lavoro, confermando quanto era nell’aria da qualche giorno. Nell’ottica di drastica riduzione dei costi di produzione, il gruppo di Detroit ha anche annunciato riduzioni allo stipendio dei dipendenti americani, che diventeranno effettive dal prossimo 1° maggio.

Dei 10.000 licenziamenti, circa un terzo riguarderà gli Stati Uniti, mentre per quanto riguarda le riduzioni salariali non sono stati comunicati dettagli. Certo non si tratterà di piccole cifre. La vera novità però riguarda il taglio degli stipendi ai manager che vedranno retribuzioni ridotte del 10%. A questo proposito, sono già state mosse critiche che vedono nella manovra poco più di un’iniziativa simbolica.

Ugualmente, i “colletti bianchi” andranno incontro a decurtazioni del 3-7%. Queste decisioni rientrano nel piano di ristrutturazione che GM dovrà presentare alla Casa Bianca il prossimo 17 febbraio per avere la seconda tranche di aiuti governativi.

Ultime notizie su Annunci

Annunci, presentazione di nuovi modelli.

Tutto su Annunci →