Incidenti stradali: in Italia le morti di bambini scendono meno che nel resto d’Europa

Con un comunicato stampa diramato oggi, l’ACI rende noto un dato poco piacevole riguardo il triste fenomeno degli incidenti stradali mortali che coinvolgono i bambini: in Italia, il loro decremento è più lento rispetto al resto d’Europa. In particolare Francia, Svizzera, Portogallo e Slovenia, i paesi più virtuosi, hanno registrato nel 2007 un calo dei


Con un comunicato stampa diramato oggi, l’ACI rende noto un dato poco piacevole riguardo il triste fenomeno degli incidenti stradali mortali che coinvolgono i bambini: in Italia, il loro decremento è più lento rispetto al resto d’Europa. In particolare Francia, Svizzera, Portogallo e Slovenia, i paesi più virtuosi, hanno registrato nel 2007 un calo dei decessi dei minori di 15 anni ben oltre il 10%. Noi ci siamo fermati al 4%, con un totale di 130 decessi.

L’indagine è stata presentata oggi a Bruxelles dallo “European Transport Safety Council”, che ha peraltro evidenziato come negli ultimi dieci anni 18.500 bambini abbiano perso la vita sulle strade dei 27 Paesi dell’Unione Europea e 17.000 siano rimasti feriti.

La maggior parte di questi sinistri si registra in ambito urbano: allo scopo di limitare il fenomeno, l’Automobile Club individua nel miglioramento delle infrastrutture, nell’inserimento nel Codice della Strada del diritto di precedenza ai pedoni in procinto di attraversare e nell’individuazione di una distanza minima di sicurezza tra gli attraversamenti pedonali e le auto in sosta i possibili rimedi.

Va però aggiunto che d’altra parte addirittura il 40% dei bambini europei viaggia senza seggiolino, e oltre il 50% di questi ultimi risulta non disporre di sistemi di ritenuta non omologati, di taglia non idonea o montati scorrettamente. Anche la cultura della sicurezza ha bisogno di fare passi avanti.

Ultime notizie su Annunci

Annunci, presentazione di nuovi modelli.

Tutto su Annunci →