Crisi dell’ auto: Marchionne chiede aiuti urgenti

Il gruppo Fiat non usa mezzi termini nell’esprimere la richiesta di “urgenti azioni di sostegno a livello europeo” per il settore auto, messo in grave difficoltà dalla crisi internazionale. “La decisione di Moody’s di porre sotto osservazione il rating della Fiat – spiega l’a.d. del Lingotto, Sergio Marchionne – è strettamente collegata alla generale situazione

Il gruppo Fiat non usa mezzi termini nell’esprimere la richiesta di “urgenti azioni di sostegno a livello europeo” per il settore auto, messo in grave difficoltà dalla crisi internazionale. “La decisione di Moody’s di porre sotto osservazione il rating della Fiat – spiega l’a.d. del Lingotto, Sergio Marchionne – è strettamente collegata alla generale situazione di difficoltà che sta attraversando il comparto auto a livello mondiale. Siamo consapevoli che il business dell’auto è messo a dura prova dalla crisi che ha colpito prima il mondo della finanza e adesso anche l’economia reale”.

“In considerazione dell’alto tasso di occupazione, diretta e indiretta, si rendono quanto mai necessarie e urgenti azioni di sostegno a livello europeo”, prosegue Marchionne. “Solo una strategia di intervento comune, o per lo meno condiviso, può, tra l’altro, evitare quella disparità da Paese a Paese che sta creando condizioni di diseguaglianza tra i diversi costruttori, falsando l’equilibrio dei mercati e violando i più elementari principi della concorrenza previsti dal mercato unico europeo”.

Via | Quattroruote (Grazie a “murtle” per la segnalazione)

Ultime notizie su Annunci

Annunci, presentazione di nuovi modelli.

Tutto su Annunci →