Proseguono gli studi sul progetto Hyperloop

Elon Musk prosegue nello studio del progetto Hyperloop. Per questo motivo ha assunto cento fra ingegneri e tecnici, che stanno lavorando per risolvere le questioni preliminari.

hyperloop_elon_musk

Il progetto Hyperloop viene tutt’oggi considerato realistico e fattibile. Non per altro motivo la società Hyperloop Transportation Technologies ha assunto cento fra ingegneri, designer e professionisti nel settore dei trasporti, distribuiti su quattro continenti e provenienti da aziende che rappresentano l’eccellenza nei rispettivi campi di lavoro: molti di questi lavoravano in precedenza alla Boeing, alla Airbus, alla Nasa o studiavano ad Harvard, alla UCLA o a Stanford.

Il gruppo è stato creato al fine di valutare la sostenibilità dell’incredibile progetto elaborato da Elon Musk, fondatore del marchio Tesla, che vuole rivoluzionare il settore dei trasporti ed introdurre quello che lui stesso ha definito un incrocio tra un Concorde, un ‘treno proiettile’ ed un tavolo da hockey ad aria. Con l'Hyperloop sarà possibile spostarsi da Los Angeles a San Francisco (613 chilometri) in appena mezz’ora. Hyperloop resta al momento un desiderio ed una speranza. La società a cui risponde si trova nell’incubatore JumpStartFund, piattaforma creata nel 2012 e strumento nato per favorire la nascita e la cooperazione fra startup.

Qualche giorno fa i ricercatori hanno pubblicato un documento con il quale illustrano gli ultimi sviluppi in materia di costi, sicurezza e logistica. Ciò non significa che Hyperloop sarà effettivamente lanciato, ma risolve alcune questioni fondamentali per iniziare studi più approfonditi e circostanziati. Il sistema di trasporto prevede tubi pneumatici (sorretti da piloti alti circa sei metri) e capsule in alluminio, dalla forma rastremata e capaci di lievitare su un cuscino d’aria fino a 1.200 km/h.

Hyperloop, il nuovo sogno di Elon Musk

2014_elon_musk

Oltre alla promessa di poter completare il ‘coast-to-coast’ statunitense con un auto elettrica ed il solo utilizzo delle ricariche veloci per fine 2013, Elon Musk ha partorito una nuova idea, per rivoluzionare il mondo dei trasporti: l’Hyperloop. Questo nuovo mezzo di trasporto permetterebbe di compiere il percorso tra Los Angeles e San Francisco, una distanza pari a 613 chilometri, in appena mezz’ora.

Il fondatore della Tesla non è entrato nello specifico, parlando di un “incrocio tra un Concorde, un ‘treno proiettile’ ed un tavolo da hockey ad aria”. Ma è possibile? Si direbbe di no, visto che questo mezzo dovrebbe mantenere un’impressionante velocità di 1.200 km/h, ma Business Insider ha recuperato un progetto dettagliato del 1972, in cui il fisico R.M. Salter aveva ideato una metropolitana (VHST), in grado di portare le persone da Los Angeles a New York in 21 minuti.

I problemi tecnici per lo sviluppo della VHST sono molteplici e difficili – commentava lo stesso Salter – ma non necessitano di nessuna nuova scoperta scientifica”. In breve, questo mezzo sotterraneo funzionerebbe grazie alle onde elettromagnetiche e sarebbe in grado di raggiungere la velocità di 14.000 miglia all’ora (circa 22.530 km/h), impiegando così i sopracitati 21 minuti per attraversare gli Stati Uniti.

Il VHST sarebbe altamente efficiente – ha proseguito – a differenza di un aereo, non deve sprecare l’energia per salire ad alta quota”. Il problema principale è quello della costruzione delle gallerie sotterranee, a causa dei costi elevati, poi servirebbe l’accordo politico: “La storia ha dimostrato che alcuni progetti, come il tunnel della Manica, proposti al tempo di Napoleone, sono stati ritardati per secoli, a causa delle pressioni politiche”. Salter non ce l'ha fatta, Musk realizzerà il suo sogno?

La mappa del VHST


  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: