SRT Viper: un esemplare per la Sons of Italy

Una SRT Viper GTS sarà battuta all'asta per scopi benefici ed il ricavato verrà destinato all'associazione Sons of Italy. L'esemplare unico si riconosce per la verniciatura bianco perla, per i cerchi in lega dallo stile specifico, per i rivestimenti interni e per il Tricolore.

Un esemplare della SRT Viper GTS sarà battuto all’asta per finanziare un progetto di natura benefica. Il ricavato verrà interamente devoluto all’Ordine Figli d'Italia in America (Sons of Italy Foundation), associazione fondata nel 1905 e da sempre attiva per aiutare chi dal Bel Paese emigrava negli Stati Uniti. In questa versione la SRT Viper GTS si riconosce per la vernice tri-strato denominata Avorio Perla, per i cerchi in lega multi-razza – non disponibili per la Viper tradizionale – e per gli interni in pelle Laguna. La personalizzazione è inoltre completata dalle bandiere con il Tricolore sparse lungo la carrozzeria e nell’abitacolo.

La Viper GTS differisce dalla meno raffinata Viper per i cerchi in lega forgiati Venom, con disegno a 6 razze, nelle misure 18 pollici all’anteriore e 19 pollici al posteriore. Le gomme sono Pirelli P-Zero ed hanno taglia 295/30 ZR18 e 355/30 ZR19. Le pinze freno sono colorate di rosso, mentre sulla Viper il colore è nero. Le sospensioni sono inoltre a controllo elettronico. Può essere ordinata nelle tinte Black, Bright White, Adrenaline Red, Gunmetal Pearl, Race Yellow, Shadow Blue Pearl, Stryker Red tinted Pearl e Viper GTS Blue Pearl, con l’ulteriore possibilità di ordinare le bande adesive longitudinali in Black, Bright White e Gunmetal Pearl.

Il motore V10 da 8.4 eroga su entrambe 648 CV ed 810 Nm, valori sufficienti per spingerla fino a 330 km/h ed a 100 km/h (con partenza da fermo) in circa 3 secondi. Gli incontentabili possono poi indirizzarsi sulla variante TA, acronimo che non traduce ovviamente Trazione Anteriore ma Time Attack. E’ in fatti una declinazione specifica per l’utilizzo in pista.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: