Allarme pneumatici: troppi quelli irregolari

Le gomme non correttamente in pressione, lo sappiamo tutti, peggiorano la tenuta di strada, contribuiscono ad incrementare i consumi di carburante e aumentano la possibilità di incidente. Di quanto però aumentasse quest’ultimo parametro, fino a oggi rimaneva un mistero: Assogomma e Federpneus così, dopo un’approfondita ricerca, sono giunti a stimare che la percentuale aumenta di

Le gomme non correttamente in pressione, lo sappiamo tutti, peggiorano la tenuta di strada, contribuiscono ad incrementare i consumi di carburante e aumentano la possibilità di incidente. Di quanto però aumentasse quest’ultimo parametro, fino a oggi rimaneva un mistero: Assogomma e Federpneus così, dopo un’approfondita ricerca, sono giunti a stimare che la percentuale aumenta di ben 4 volte!

Altrettanto preoccupanti sono i dati che emergono dagli oltre 10.000 controlli effettuati dalle Forze di Polizia di regioni, province e comuni di tutta Italia: gli italiani dal nord al sud non controllano lo stato delle loro gomme. E c’è una certa correlazione tra il pneumatico non idoneo, o danneggiato e l’incidentalità: la percentuale di auto fermate nei suddetti controlli che presentavano danni visibili ai pneumatici era del 2,7%; tale percentuale aumenta quasi di 4 volte per i rilevamenti in caso di incidente fino ad arrivare al 9,3%. Questi dati, se messi in relazione con il parco circolante in Italia, significano che quasi un milione di veicoli circolano abitualmente sulle strade del Bel Paese con gomme irregolari.

Un altro dato significativo riguarda l’omologazione dei pneumatici auto: l’1,7% dei casi è fuori norma; e addirittura nei rilevamenti effettuati negli incidenti, questo dato sale al 2,3%. La differenza fra le due percentuali, se rapportata al parco auto circolante italiano, stimato intorno ai 35 milioni di veicoli, aumenta esponenzialmente la rilevanza di questo dato per la sicurezza stradale: significa che sono tra le 600 e le 800 mila le auto che circolano senza pneumatici omologati. L’indagine ha anche stilato una classifica delle regioni virtuose per i pneumatici: Emilia Romagna e Marche si aggiudicano a pari merito la prima piazza con solo l’1% di pneumatici rilevati sotto il limite di legge di 1,6 mm, seguite dal Trentino con un 2% di gomme lisce. Lombardia e Puglia al 4%, mentre in Toscana si riscontro il 5% delle gomme fuorilegge.

Via | Repubblica

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Sicurezza

Sicurezza

Tutto su Sicurezza →