Fumare in auto? Distrae più di parlare al telefonino

Sull’auto in marcia è meglio parlare al cellulare piuttosto che fumarsi una sigaretta. In sintesi è questo lo stupefacente risultato di uno studio condotto dalla società italiana di Tabaccologia; la “Sitab” infatti giustifica senza nessun dubbio la decisione delle autorità di San Marino di vietare il fumo al volante. "Abbiamo filmato alcuni fumatori mentre erano al volante, misurando per quanto tempo distoglievano lo sguardo dalla strada - chiarifica Giacomo Mangiaracina, presidente della Sitab - ed è risultata una distrazione maggiore che per il telefonino. Non si capisce a questo punto perchè è sanzionabile l'uso del cellulare e la sigaretta no".

Analizzando lo studio, emerge che per rispondere ad una chiamata ci si distrae per 2,1 secondi. Mentre per fumare ne servono un totale di quasi 5: 2.9 per prendere sigarette e accendino e 2,0 per accendere. Pur non essendo ancora disponibili degli studi che correlino incidenti e sigarette, alcune stime sostengono che ben il 15% sia provocato da questa cattiva abitudine. "Anche se non ci sono grossi studi è sufficiente il buonsenso - afferma Piergiorgio Zuccaro, direttore dell'osservatorio Fumo Alcool e Droga dell'Istituto Superiore di Sanità - è chiaro che è un gesto che porta a distrazione, con l'aggravante che c'è anche il fuoco di mezzo.

Senz'altro poi bisogna tenere conto dei danni derivanti dal fumo passivo, che in macchina sono ancora maggiori per effetto degli spazi ridotti". Dei danni che invece provoca ai tessuti polmonari e cerebrali non vi ricordiamo nulla: esiste un'ampia documentazione universalmente conosciuta in merito che già dovrebbe bastare a far "dire basta".

Via | Repubblica (Grazie a "pipino" per la segnalazione)

  • shares
  • Mail
64 commenti Aggiorna
Ordina: