BMW investirà 1 miliardo di dollari in Usa

BMW X6 - foto ufficiali

Il Gruppo BMW investirà in 4 anni un totale di un miliardo di dollari negli USA. Risorse che saranno indirizzate a costruire un nuovo centro amministrativo e di nuove strutture di formazione nel New Jersey, incrementare la rete di vendita ed ampliare la produzione dello stabilimento di Spartanburg.

Strategie possibili sfruttando l’attuale debolezza del dollaro rispetto all’euro. Attualmente la fabbrica BMW situata in South-Carolina assembla circa 160.000 veicoli l’anno; Si stima che gli investimenti della casa bavarese incrementeranno questo numero di un terzo facendo arrivare la produzione a circa 240.000 veicoli nel 2012. Ai modelli X5 ed X6, da tempo prodotti solo negli States, si aggiungerà inoltre la nuova X3, finora prodotta in Austria. 500 i nuovi posti di lavoro nel rinnovato complesso americano.

BMW X6 - foto ufficiali
BMW X6 - foto ufficiali
BMW X6 - foto ufficiali

Ma il programma di “colonizzazione statunitense” della BMW non si ferma qui: il suo quartier generale U.S.A. a Woodcliff Lake, nel New Jersey è stata ampliato del 60% nel 2008, assorbendo investimenti per 100 milioni di dollari. Oggi vi lavorano circa 1000 dipendenti. Altri 170 milioni di dollari saranno inoltre spesi entro fine anno nella costruzione di due nuovi poli per la distribuzione ricambi in Pennsylvania e Illinois: ciò porterà ad un totale di 6 i centri di distribuzione regionale che BMW vanta sul suolo USA. In questi ultimi, primo mercato al mondo per il marchio tedesco, BMW cresce regolarmente da 16 anni: nel 2007 sono state immatricolate più di 336.000 vetture.

BMW X5 my 2008
BMW X5 my 2008
BMW X5 my 2008

Il Presidente di BMW Usa Ian Robertson ha affermato che “gli investimenti sono un chiaro segnale della nostra forte fiducia nel potenziale dell’economia americana. Sappiamo che dobbiamo investire nel più grande mercato del mondo se vogliamo avere successo su scala mondiale. A dispetto della debolezza attuale, le prospettive di lungo termine in Usa sono positive”.

Via | TGcom

  • shares
  • Mail
31 commenti Aggiorna
Ordina: