Porsche 911 restyling: Autocar la giudica così

Porsche 911 997 restyling

Non pensate che la 911 possa osare maggiormente sul piano stilistico? Pochi la riconosceranno dalla prima 997, datata 2004, e, dopotutto, il suo stile è quasi immutato da sessant’anni. Il primo test su strada della nuova creatura Porsche, compiuto da Autocar, si apre con questa considerazione: non ci sentiamo di appoggiarla, anche perché, come vedremo, sottopelle le modifiche saranno ben più consistenti che non a livello estetico.

A partire dai propulsori, più muscolosi ed efficienti rispetto alle vecchie unità: il 3.6 della Carrera guadagna venti cavalli e perde il 15% di emissioni di CO2 (225 g/km), mentre il 3.8 della S eroga 385 cavalli (+30) con una riduzione del 22% di emissioni di anidride carbonica.

Porsche 911 997 restyling
Porsche 911 997 restyling
Porsche 911 997 restyling

Porsche 911 997 restyling
Porsche 911 997 restyling
Porsche 911 997 restyling

Menzione particolare anche per il sette rapporti a doppia frizione PDK (Porsche Double Clutch), offerto in opzione a circa 3.000 Euro e giudicato come il miglior optional mai offerto su una 911. Curioso notare come, dopo un debutto pionieristico alla Le Mans del 1982, il grande salto di questa soluzione tecnica verso la produzione di serie sia giunto solo ora.

Porsche 911 997 restyling
Porsche 911 997 restyling
Porsche 911 997 restyling

L’attesa, però, sembra giustificata: 200 ms per ogni cambiata senza alcuna interruzione di potenza. “It works beautifully”, anche se la presenza di bottoni in luogo di ben più tradizionali alette impone un minimo di apprendistato. Ma poi, come si suol dire, si potrà esercitare un controllo pressoché totale dell’auto con un solo dito. Anche, e soprattutto, nel passaggio a 7.400 giri fra la seconda e la terza.

Porsche 911 997 restyling
Porsche 911 997 restyling
Porsche 911 997 restyling

I motori, invece, dimostrano di essere stati addolciti, dal sound fino al carattere. Il 3.6, l’unico propulsore testato, viene definito più morbido e maggiormente raffinato: emette meno vibrazioni, anche agli alti regimi, e l’accelerazione è fluida e senza incertezze. Addirittura non si capisce “quanti siano i cilindri e come siano disposti”.

Porsche 911 997 restyling
Porsche 911 997 restyling
Porsche 911 997 restyling

Il giudizio finale non sembra piuttosto lusinghiero: la nuova 911 è un’auto cara (69.600 Euro per la Carrera 2), proposta in un momento tutt’altro che favorevole per il mercato dell’auto e con carattere smussato dalle “auree emozioni” offerte dalla versione precedente. Il cambio a doppia frizione, per quanto rigoroso e dalla personalità multipla, filtra ulteriormente le emozioni dispensate da un telaio sincero e comunicativo.

Via | Autocar (Grazie a Bugatti&91 per la segnalazione)

  • shares
  • Mail
429 commenti Aggiorna
Ordina: