Chrysler: bene le vendite fuori dagli USA

dodge caliber

Le "legnate" rimediate sul mercato casalingo, per fortuna di Chrysler Group, non trovano riscontro all'estero nel mese di maggio appena trascorso: se negli Stati Uniti il costruttore ha dovuto osservare un tracollo superiore al 25% rispetto allo scorso anno, i mercati d'Oltreoceano regalano più di un sorriso a Detroit.

Al di fuori del Nordamerica infatti, le 21.505 auto vendute hanno rappresentato un buon +5% rispetto allo stesso mese dell'anno passato e soprattutto hanno confermato il buon trend di crescita nel periodo gennaio-maggio, mesi nei quali le 98.188 unità commercializzate hanno rappresentato una crescita del 7%.

Gli aumenti più cospicui sono stati registrati in Russia (+7%) Gran Bretagna (+20%) e Asia Pacifico (+39%). Ma di chi è il merito? Soprattutto di un modello, la Dodge Caliber, (l'auto più venduta all'estero fino a questo punto dell'anno) e di un marchio, Dodge per l'appunto, la cui crescita del 40% risulta ancora più significativa se rapportata al +6% di Jeep e al -10% di Chrysler.

  • shares
  • Mail
25 commenti Aggiorna
Ordina: