Lamborghini Gallardo Lp560-4: prime prove su strada


Nata per volontà di chi è rimasto insoddisfatto dalla Ferrari. Già questo basta per rendere la Lamborghini un marchio assolutamente speciale, che ha saputo nel corso degli anni, ritagliarsi uno spazio particolare anche nel cuore dei ferraristi più incalliti. Del resto si parla sempre di eccellenza tecnico-meccanica e di performance di prim’ordine .

Ed anche la Gallardo LP560-4 ,la nuova "piccola" della casa di Sant’Agata Bolognese, non smentisce queste aspettative. Nata dell’evoluzione di un “mezzo atomico” come la Gallardo, la nuova berlinetta a motore V10 centrale (90° fra le bancate) della casa del toro si presenta al pubblico dopo una cura a base di testosterone: 5200 cc, 560cv a 8000 giri,540NM di coppia a 6500rpm, un nuovo sistema di iniezione diretta del carburante (consumi ed emissioni giù del 18%), una differente temporizzazione del sistema di alzata valvole, teste dei cilindri rivisitate e peso complessivo ridotto di 20 kg razie ad una revisione dei componenti del motore, degli assali anteriore e posteriore e dei differenziali.

Numeri da capogiro che regalano prestazioni altrettanto superbe: 0-100 in 3.7 sec e oltre 325km/h di velocità massima. Il tutto coadiuvato da un nuovo cambio automatico sequenziale che , nella modalità più estrema, riduce il tempo di cambiata del 40%. Ma le meraviglie non terminano qui: a completare questo splendido quadro ci pensa un nuovo diffusore posteriore che incremente l’efficienza aerodinamica del 31% ed eventualmente i nuovi freni carboceramici (10.000 euro) capaci di decelerazioni da 1.2g. Come si traduce tanto “ben di Dio”per il fortunato pilota ?

Lamborghini Gallardo LP560-4
Lamborghini Gallardo LP560-4
Lamborghini Gallardo LP560-4


Secondo la nota rivista americana Popular Mechanics, la baby-lambo risulta più appassionante della versione che va a sostituire Il suono agli scarichi sembra essere più sofisticato e dotato di maggiori capacità nel vocalizzare acuti; ha invece una tonalità meno rauca al minimo che invade l’abitacolo in maniera più discreta e che regala note baritonali più accentuate con i finestrini abbassati.

Lamborghini Gallardo LP560-4
Lamborghini Gallardo LP560-4
Lamborghini Gallardo LP560-4
L'accelerazione della LP560-4 diventa più feroce agli alti regimi dove l’auto sembra lavorare al meglio (la zona rossa è agli 8500rpm); ma rimane dotata di una curva di potenza più omogenea e robusta anche ai bassi regimi ;merito pure dell’iniezione diretta.La rinnovata trasmissione E-gear è più sofisticata e le cambiate in modalità “Sport” e “Corsa” sono davvero violente. Anche a velocità prossime ai 200 orari, la LP560-4 risulta incollata all’asfalto e, grazie alla sua notevole stabilità e alla trazione integrale, spinge il conducente a darle sempre maggiore confidenza. Il peso dell’auto (43%ant/57%post) si fa sentire solo entrando a velocità eccessive nelle curve , ma alleggerendo la presa dal pedale del gas l’auto ritrova subito compostezza. I trasferimenti di carico fra avantreno e retrotreno sono sempre trasparenti ed intuitivi.

In uscita di curva , giocando col gas è facile far scodare l’auto di potenza e, volendo, il tutto può essere supervisionato dall’ESP che " ci mette una pezza" quando la bravura del pilota non basta più. La tenuta laterale è impressionante, ecco perché, in determinate condizioni, si desidererebbe uno sterzo ancora più preciso e comandi dell’acceleratore e del freno più puntuali; ciò annullerebbe del tutto la già minima tendenza sottosterzante.


Tuttavia il problema riscontrato da EVO sulla poca modulabilità della frenata, viene riconosciuto anche dalla rivista americana: nonostante l’impianto carboceramico sia capace di decelerazioni enormi, nei primi centimetri di corsa del pedale sembra essere quasi vuoto. E subito passata questa soglia, le reazioni diventano anche troppo potenti. Un comando così può andar bene per la pista. Ma ha generato qualche momento di panico nel traffico cittadino.

In ultima analisi la nuova LP560-4 va a sostituire il modello precedente senza rimpianti: l’auto è ora più sincera, più veloce e sexy che mai. In ogni condizione di marcia risulta sempre e comunque molto divertente e coinvolgente. Nel fine settimana poi, la sia può lanciare a tutta velocità su qualsiasi circuito e tornando a casa fare la spesa al supermarket, data la flessibilità del motore.


Oltre che flessibile, Motive Magazine sottolinea come il prpulsore emetta un sound veramente stupendo e come la Lp560-4 sia letteralmente capace di divorare la strada. La macchina risulta essere nelle curve, un mix fra tenuta laterale e corpo vettura controllato. Inoltre la mappatura di erogazione è talmente ben curata che, molto raramente, si avrebbe bisogno di cambiare marcia: la terza va bene anche per curve strette e già in quarta si raggiungono velocità indicibili.

Lamborghini Gallardo LP560-4
Lamborghini Gallardo LP560-4
Lamborghini Gallardo LP560-4

Vedendo un picco di coppia così elevato, si potrebbe pensare che il motore sia molto a disagio ai bassi regimi. Invece l’”iniezione diretta stratificata” della Bosch fa si che la risposta al gas sia fulminea anche ai bassi. Tuttavia anche i ragazzi di Motive Magazine hanno rilevato qualche piccola cosetta da migliorare: i freni in primis; anche in questo caso si lamenta una certa insensibilità dell’impianto carboceramico che rende apprensivi ad ogni frenata (ma la potenza frenante è eccezionale).

Lamborghini Gallardo LP560-4

Inoltre lo sterzo sembra essere artificialmente troppo pesante. Il che è un po’ ridicolo considerando che la sua servoassistenza è praticamente minima. Anche perché le curve si possono fare tranquillamente con l’acceleratore decidendo l’angolazione del muso col semplice pedale di destra. Frenando forte in curva, l’auto rimane comunque controllabile e segue gentilmente col suo retrotreno. Ma è portata al limite che appare straordinaria: sembra danzare tra le curve e tutti i suoi (limitati) nei, svaniscono all’ombra del suo stupefacente carattere stradale.


Via | Popularmechanics.com e Motivemag.com

  • shares
  • Mail
186 commenti Aggiorna
Ordina: