Trazione posteriore per Renault? Intervista a Rèmi Deconinck

remi deconinck

Rèmi Deconinck, direttore generale di Renault Sport Technologies, si è lasciato scappare una ghiottissima anticipazione: il ramo sportivo della casa francese starebbe pensando seriamente all'adozione della trazione posteriore. Su quale modello, è ancora da decidersi, ma non è esclusa la creazione di una inedita sportiva per l'occasione.

Nel corso di un incontro con gli inglesi di evo, -in cui Deconinck ha avuto modo di ribadire la sua preferenza per i motori a benzina sui diesel e per gli aspirati sui turbo, sottolineando come i veri motori sportivi siano quelli da tenere sempre "in tiro" dalle parti della zona rossa- il manager francese si è sbottonato sulle future scelte tecniche dell'atelier sportivo della Règie.

Secondo Deconinck, grazie al livello di tecnologia raggiunto dai produttori di pneumatici, ci si potrà spingere molto presto fino a potenze intorno ai 350 CV sulle trazioni anteriori, senza soffrire il tipico sottosterzo. Del resto, solo dieci o quindici anni fa si ritenevano invalicabili certe soglie di potenza oggi ampiamente superate. Ciò non toglie tuttavia che i prodotti di RS punteranno in misura ben maggiore su leggerezza ed eccellenza telaistica.

Uno degli ultimi sforzi di Renault Sport è stata la Laguna GT, dotata dell'interessante sistema di quattro ruote sterzanti. Ecco, a quanto pare, questa evoluta soluzione tecnica è una sorta di anticipazione "metaforica" di un passaggio -solo parziale- dalla trazione anteriore a quella posteriore. "Sì, ci stiamo pensando in modo molto serio" -commenta candidamente Deconinck- " e con Nissan nel gruppo sarà molto più facile, ma non abbiamo ancora preso decisioni definitive a riguardo.".

E quale sarebbe il modello ideale per portare al debutto questa clamorosa novità? "Bella domanda! Forse una coupè a due posti secchi, con una potenza sui 250-300 CV ed un peso entro i 1200 kg.". Secondo la nota rivista inglese, il lavoro di sviluppo sarebbe in corso già da un pezzo: non possono che tornare alla mente i misteriosi muletti che si aggiravano sul 'Ring con le ingannevoli sembianze della Mégane. Seguiremo attentamente l'intrigante vicenda.

  • shares
  • Mail
87 commenti Aggiorna
Ordina: