VW Golf VI: con lo sguardo rivolto al passato

VW Golf VI

A novembre del 2008 VW calerà il suo asso, la sesta serie della Golf: difficile compito quello della medio-piccola di Wolfsburg che dovrà avanzare sul sottile filo del rasoio, in bilico tra la continuità che da sempre segna il passaggio da una generazione alla successiva e la volontà di richiamarsi alla quarta serie, ammettendo implicitamente lo scarso appeal dell'attuale.

A partire dal design, molti saranno gli elementi di rottura con la quinta Golf: chiuso il capitolo delle vistose cromature, la prossima avrà una calandra molto più sottile e sobria, con il solo logo del marchio bene in vista. In secondo luogo, le dimensioni cresceranno di pochissimo raggiungendo i 423 cm, 3 lunghezze sole più dell'attuale modello. Logico quindi che in termini di abitabilità la situazione rimarrà pressochè invariata.

La plancia, a detta di auto, motor und sport, sarà più "driver-oriented", ma soprattutto si faranno notevoli passi in avanti in termini di riduzione del peso e delle emissioni nocive, grazie all'adozione di un nuovo motore diesel-ibrido. Altra parola d'ordine in fatto di propulsori sarà "downsizing", una politica che accomunerà tutti i costruttori nei prossimi anni: la Golf monterà motori a benzina sia aspirati che turbo da 80 a 200 CV, mentre per i diesel common rail, un inedito 1.6 affiancherà il noto 2.0 TDI.

  • shares
  • Mail
103 commenti Aggiorna
Ordina: