BMW: tutta la gamma "X" sarà prodotta a Spartanburg

spartanburg

Futuro a stelle e strisce per gli offroad di casa BMW: visto l'andamento del cambio euro-dollaro, il management bavarese ha deciso definitivamente lo spostamento della produzione di buona parte della sua gamma a Spartanburg, South Carolina, stabilimento per cui ha stanziato 750 milioni di dollari e dal quale usciranno 240.000 veicoli l'anno, che segnano un significativo incremento rispetto agli attuali 150.000. Allo scopo, verranno assunti 500 nuovi dipendenti.

Nel corso dei prossimi quattro anni dunque, avverrà il seguente spostamento: la Z4 tornerà in Europa, e al suo posto arriverà dalle linee Magna-Steyr di Graz, la prossima generazione della BMW X3. "Accorpare il nostro know-how in materia di SUV migliorerà l'efficienza", ha dichiarato Frank-Peter Arndt, membro del cda BMW, in un'intervista con Automotive News. "Aumentare la produzione nel nostro mercato più importante, poi, rappresenta un passo naturale", ha concluso il manager. Negli USA, X3 e X5 hanno venduto 58.089 unità nel 2007 (+8,9% sul 2006).

Il cambio euro-dollaro, così sbilanciato a favore del primo, ha fatto correre ai ripari molti costruttori europei, compresa BMW: realizzare profitti oltreoceano con questa congiuntura non è facile come negli anni dell'euro debole. E così anche VW, dopo aver chiuso i battenti del suo ultimo stabilimento americano nel 1988, sta per tornare negli USA.

  • shares
  • Mail
42 commenti Aggiorna
Ordina: