Romea e Pontina le strade più pericolose d'Italia

Spetta alla Romea il triste primato di strada statale più pericolosa d'Italia. Con 1,70 incidenti a chilometro e 0,10 morti per incidente, la statale è in vetta alla classifica seguita dalla Via Pontina (3,09 incidenti/km con 0,05 morti) e dalla Pontebbana (2,32 incidenti, 0,05 morti), secondo i dati elaborati da Aci e Istat.

Nel determinare l'indice di pericolosità delle strade italiane, sono state considerate solo le statali lunghe almeno 100 chilometri e valutandone la pericolosità sulla base dei morti per ogni incidente: ecco perché la Romea precede la Pontina. Sempre in base a questi parametri scompaiono la Nettunense, altra famigerata strada della provincia di Roma, che invece registra 4,99 incidenti/km, e la Via del Mare (da Roma a Ostia) che insieme a Romea, Pontina e Jonica erano le cinque statali più pericolose in una classifica diffusa la scorsa estate.

Ai piedi del poco ambito podio si trovano la statale del Lago di Como (2,69 incidenti/km, 0,04 morti per incidente), la Padana Superiore (1,85 incidenti, 0,05 morti), la Statale della Valsugana (1,32 incidenti, 0,07 morti), la Silana Crotonese (0,70 incidenti, 0,13 morti), l'Orientale Sicula (1,13 incidenti, 0,08 morti), l'Adriatica (2,25 incidenti, 0,04 morti) e la Postumia (1,73 incidenti, 0,05 morti).

La ricerca elenca anche le strade più pericolose divise per regione e provincia: scorrendo l'elenco si apprende ad esempio, che nel Lazio la più rischiosa è la via dei Laghi (che collega Roma con i Castelli Romani), con 62 incidenti nel 2006 e 5 vittime (0,227 morti/km), mentre in termini assoluti il record spetta alla Pontina, con 184 incidenti e 14 vittime (0,192 morti/km). In Piemonte spicca la via delle Langhe (con 14 incidenti e un morto), mentre il maggior numero di incidenti, 124 (con 3 morti) si registra nella Statale della Val d'Aosta.

Ancora: in Emilia Romagna l'Adriatica conta ben 271 incidenti, ma la strada registra il maggior numero di sinistri nelle Marche, addirittura 464 nel 2006, con 14 morti. Triste bilancio anche in Campania per la statale della Terra di lavoro, nel casertano, con 68 incidenti e 8 morti, che, non considerando solo le statali con almeno 100 chilometri, è la seconda strada con il più alto tasso di morti per chilometri (0,444), dopo la Jonica, con 9 incidenti e un morto (0,500).

Via | Repubblica

  • shares
  • Mail
67 commenti Aggiorna
Ordina: