Mercedes-Benz GLK Freeside Concept: tutte le info e la gallery ufficiale

Hanno fatto capolino stamane le prime immagini della nuova Mercedes GLK Freeside, concept car che debutterà a Detroit fra un paio di settimane anticipando l’aspetto definitivo del nuovo SUV compatto di Stoccarda, atteso per marzo a Ginevra. Ora sono stati pubblicati tutti i dati e le immagini ufficiali, che vi proponiamo nella nostra ricca galleria.


Hanno fatto capolino stamane le prime immagini della nuova Mercedes GLK Freeside, concept car che debutterà a Detroit fra un paio di settimane anticipando l’aspetto definitivo del nuovo SUV compatto di Stoccarda, atteso per marzo a Ginevra.

Ora sono stati pubblicati tutti i dati e le immagini ufficiali, che vi proponiamo nella nostra ricca galleria. Molte sono le novità sotto il vestito, che peraltro ha un taglio molto insolito per i canoni della Stella. Nel seguito trovate tutti i dettagli del concept.

Mercedes Vision GLK Freeside

Mercedes Vision GLK Freeside Mercedes Vision GLK Freeside Mercedes Vision GLK Freeside

La Vision GLK porta al debutto numerose componenti innovative, come le sospensioni AGILITY CONTROL, che promettono un buon compromesso tra comportamento su strada e comfort di bordo. Anche la sicurezza sarà ad alti livelli, grazie alla cellula ad elevata resistenza che assicura -oltre alla protezione in caso di urto- la stabilità del veicolo e una notevole riduzione delle vibrazioni trasmesse all’abitacolo.

Molte le “primizie” anche nel comparto motori/trasmissioni: tra i primi debutta il quattro cilindri diesel BLUETEC, mentre per la trasmissione si è puntato sulla robotizzata 7G-TRONIC, anche se logicamente il GLK di serie prevederà anche altre opzioni. La trazione è ovviamente la 4MATIC a quattro ruote motrici.

Il SUV misura 452 cm di lunghezza, 26 meno dell’ML e 5 meno della BMW X3, che sarà la sua rivale più agguerrita sui mercati internazionali. Tra i sistemi di sicurezza spiccano il PRE-SAFE (un pacchetto di misure di sicurezza attiva come i poggiatesta che scattano in avanti in caso di urto frontale) e l’Intelligent Light System con proiettori allo xeno che seguono l’andamento della strada.

Mercedes Vision GLK Freeside Mercedes Vision GLK Freeside Mercedes Vision GLK Freeside

Nell’abitacolo non mancano i dispositivi elettronici: sulla console trova posto l’ultima generazione dell’intuitivo COMAND, mentre per i passeggeri posteriori c’è un sistema di infotainment comprensivo di due schermi LCD, alloggiati dietro i poggiatesta anteriori. La gestione della temperatura è affidata al trizona automatico THERMOTRONIC.

Ma è inutile girarci intorno. Il tratto che più si fa notare è la linea: mai dai tempi della Geländewagen avevamo visto una Mercedes così squadrata. E non a caso proprio dal modello del 1979 prende le mosse questa GLK Vision, che spinge ancora più in là il nuovo linguaggio stilistico Mercedes, il quale ha ormai ben poco da spartire con le linee morbide della precedente gamma.

Completano il quadro degli esterni i grandi cerchi da 20” ed i paraurti verniciati in argento (che fortunatamente spariranno sulla versione di produzione…). La tinta della carrozzeria è il “diamond white magno” perlato.

Mercedes Vision GLK Freeside Mercedes Vision GLK Freeside Mercedes Vision GLK Freeside

Dieter Zetsche, CEO di Daimler AG è particolarmente entusiasta della nuova creatura, dal momento che nei primi anni ’80 era al reparto Ricerca&Sviluppo, dove lavorava al progetto della vecchia Geländewagen, della quale ritroviamo qui molti tratti, come il netto stacco tra il cofano praticamente piatto ed il parabrezza sorprendentemente verticale. Zetsche ha fortemente voluto che non venisse trascurato il rendimento in offroad, per non tradire lo spirito dell’illustre progenitrice.

Gli interni sono in una certa misura più tradizionali, assomigliando maggiormente a quelli della Classe C: si notino ad esempio il volante, la grafica degli strumenti o la console centrale. I riusciti accostamenti cromatici nell’abitacolo (dove spicca il livello dei materiali), incontreranno purtroppo la “normalizzazione” che affligge molte concept car nel passaggio alla serie.

Proprio quei curiosi inserti in legno striato caratterizzano l’ambiente interno, dividendolo in due fasce orizzontali, la prima dalla pelle più scura, la seconda più chiara, che richiama il colore dei sedili. La pelle che riveste questi ultimi è stata trattata per risultare più appagante al tatto.

Mercedes Vision GLK Freeside Mercedes Vision GLK Freeside Mercedes Vision GLK Freeside

Capitolo tecnica: la GLK Vision è spinta dal 2.1 BLUETEC da 170 CV, che ha la stessa potenza del pari cilindrata CDI, rispetto al quale però migliora consumi ed emissioni. Gli iniettori del common rail, al quale è abbinato un sistema di compressione del tipo twin-stage, simile al TST che presto arriverà sulle Fiat, lavorano a 2000 bar.

Come funziona il BLUETEC? Oltre al classico convertitore catalitico ossidante al platino-palladio ed al filtro antiparticolato, qui è impiegato l’AdBlue, una soluzione acquosa a base di urea che, una volta iniettata nel flusso dei gas di scarico, neutralizza l’80% degli ossidi di azoto, scindendoli in innocue molecole di acqua e azoto. Il risultato è che i diesel BLUETEC potrebbero rispettare già da ora le norme Euro 6 del 2015, le americane US BIN 5 o le californiane LEV 2.

La trazione integrale 4MATIC, che ha una ripartizione del tipo 45:55, è stata rivista in alcuni particolari: nuova è ad esempio la frizione multidisco del differenziale centrale, che consente di avere una migliore motricità in condizioni di basso attrito tra ruote e fondi insidiosi come il ghiaccio. Per le condizioni estreme sulla console c’è inoltre un tasto che attiva una modalità specifica: il 7G-TRONIC inserisce i rapporti più dolcemente, il gas ha un’erogazione più graduale e l’ESP viene settato su parametri specifici da fuoristrada. Non manca infine il Downhill Speed Regulator (DSR), dispositivo di controllo della velocità in discesa.

Mercedes Vision GLK Freeside Mercedes Vision GLK Freeside Mercedes Vision GLK Freeside

Due parole infine su sospensioni e sterzo. Le prime, chiamate AGILITY CONTROL, sono del tipo adattativo; in parole povere, quando si va piano o si procede su fondi accidentati le sospensioni sono più morbide per agevolare rispettivamente comfort e resa in fuoristrada, e la rigidità cresce progressivamente man mano che sale la velocità del veicolo, per migliorare la tenuta di strada.

Anche lo sterzo è di tipo progressivo: più leggero alle basse velocità per non affaticare in manovra o in offroad, e via via meno servoassistito al crescere della velocità, per non compromette la stabilità alle andature sostenute.

Ora che sappiamo praticamente tutto, non ci resta che aspettare Detroit per vedere “live” questo nuovo SUV tedesco, che sarà in commercio a partire dall’autunno.

Mercedes Vision GLK Freeside Mercedes Vision GLK Freeside

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Annunci

Annunci, presentazione di nuovi modelli.

Tutto su Annunci →