Indiscrezioni sulle specifiche tecniche dell'Alfa "Junior"

Alfa Junior

Più passa il tempo più si accumulano dettagli sulla futura Alfa Junior: a Ginevra mancano cinque mesi e all'inizio delle vendite in Italia ne mancano otto, quindi ancora per un po' ci dovremo accontentare di un puzzle di dati da ricomporre.

Pare ora più chiaro il rapporto tra la piccola e la 149: la prima sarà erede dello spirito della 147 3 porte, la seconda dell'alternativa a cinque: nasceranno così dall'attuale modello due nuove famiglie di auto che accentueranno la diversa sfumatura delle due versioni: ancora più aggressiva e raccolta della progenitrice sarà la Junior, mentre a bordo dell'erede della cinque porte aumenterà soprattutto l'abitabilità e la praticità.

A sottolineare il deciso cammino di Alfa verso i vertici della caratura progettuale, faranno la comparsa sulla Junior dei gioielli tecnici dal calibro indiscusso, prime fra tutti le nuove sospensioni attive SDC e il Manettino, montato per la prima volta su un'auto che non nasce a Maranello. Per i motori, tutti con sistema di valvole a geometria variabile, siamo in grado di darvi una lista che dovrebbe avvicinarsi parecchio a quella definitiva:

1.4 Multiair 105 CV
1.4 JTB 135 CV
1.4 JTB 180 CV
1.8 JTB 230 CV
1.6 JTDm 120 CV
1.6 JTDm 150 CV

A tutti i motori è abbinato di serie un cambio manuale a sei marce e per alcuni c'è la possibilità di montare il sequenziale Selespeed.

Per i dati di vendita poi, ad Arese si aspettano volumi intorno alle 75.000 unità annue, che costituirebbero la base di partenza per il raddoppio dei volumi del marchio auspicato dal CEO Antonio Baravalle.

  • shares
  • Mail
284 commenti Aggiorna
Ordina: