La Mustang di Ken Block batte la McLaren Senna nella drag race [Video]

Una Ford Mustang speciale e pesantemente modificata ha avuto vita facile nella doppia sfida sul dritto contro una McLaren Senna in esemplare unico.

Gli americani amano le sfide di accelerazione, ma quella del video è davvero unica: ha per protagoniste la Ford Mustang Hoonicorn V2 di Ken Block e una McLaren Senna. L'iconica muscle car statunitense, in questo esemplare del 1965, è stata sottoposta nel 2016 ad un vigoroso upgrade prestazionale. Ora il suo motore V8 alimentato a metanolo tocca quota 6.7 litri di cilindrata ed è associato a una coppia di turbocompressori, per una potenza massima di 1400 cavalli, che si erano già espressi al "Climbkhana" di Pikes Peak.

Facile intuire come nella doppia drag race contro la McLaren Senna non ci sia stata storia per la raffinata hypercar inglese, nella sua Merlin Edition, una one-off che vanta una verniciatura unica. Sul dritto, infatti, il gioiello della casa di Woking è stato costretto a soccombere contro l'assurda rivale, giocattolo molto amato da Ken Block, pilota e stuntman americano noto per i suoi funambolismi di guida, che massacrano gli pneumatici (e non solo) sull'altare dello spettacolo.

Sarebbe stato più interessante, però, vedere come la Ford Mustang Hoonicorn V2 si sarebbe comportata in pista in un faccia a faccia contro la McLaren Senna. Quest'ultima è un'auto sportiva di frontiera, progettata e costruita dalla factory inglese con uno scopo specifico: farne l'espressione più pura della sua filosofia. Il risultato? Una hypercar ideata per la pista ma omologata per la strada, con un design dove la forma segue la funzione.

L'auto, in edizione limitata di 500 esemplari, ha suscitato grande interesse fra gli appassionati. Giusto legare il nome del modello ad uno dei piloti più amati di tutti i tempi e alla sua generosità. Spinta da un motore 4.0-litri V8 turbocompresso da 800 cavalli, la McLaren Senna esprime un livello prestazionale estremo, grazie anche al peso a secco di soli 1.198 chilogrammi. Di altissimo livello le sue qualità aerodinamiche e le performance delle sospensioni idrauliche RCC II Race Active Chassis Control che garantiscono dinamiche di eccellenza anche in circuito.

  • shares
  • Mail