Renault Kangoo Z.E. ICE: la prova su strada

Agile e brillante si muove bene in città e può vantare un’autonomia reale di 200 km grazie alla batteria da 33 kWh

L’alimentazione elettrica trova spazio anche sui veicoli commerciali come dimostra la Renault Kangoo Z.E. ICE della nostra prova su strada. La variante che abbiamo guidato è quella più compatta che si adatta perfettamente alle operazioni di carico e scarico merci in città garantendo nel contempo una certa agilità per muoversi con disinvoltura tra le vie del centro.

Esterni: pratica e funzionale


Con una linea che riprende quella della Kangoo convenzionale ma con elementi che ne sottolineano la vocazione da gran lavoratrice, la variante Z.E. ICE si distingue per i paraurti in plastica grezza e per l’assenza della vetratura laterale e posteriore. Chiaramente, la zona dove i designer hanno potuto esprimersi di più è quella del frontale, in cui spicca la calandra ed il taglio dei gruppi ottici. La natura elettrica viene svelata dalla presa di ricarica nascosta dalla Losanga e le forme sono funzionali ad avere la maggior capacità di carico possibile.

Interni: essenziale ma con un buon comfort


Come per l’estetica, anche parlando dell’abitacolo non si può prescindere dalla natura commerciale della Kangoo Z.E. ICE, per cui la plancia non presenta abbellimenti di sorta, che comunque non sono ricercarti dalla clientela interessata a questo genere di veicoli, ma c’è una strumentazione completa e di stampo classico per tenere sotto controllo la carica del pacco batterie e capire come si sta utilizzando la potenza in gioco.

Inoltre, non manca il climatizzatore ed un sistema d’infotainment per navigare al meglio tra le vie delle città e connettere l’auto allo smartphone. La zona più importante però è anche quella più spartana, situata dietro i sedili, ovvero il vano di carico che consente di trasportare fino a 650 kg con una capienza che arriva fino 3,5 metri cubi e, nella variante Maxi, può raggiungere i 4,6 metri cubi.


Al volante: pronta, reattiva, e agile per accedere ovunque


Con una posizione di guida rialzata è facile percepire gli ingombri dell’auto nella zona anteriore, mentre per le manovre in retromarcia bisogna affidarsi agli specchi laterali, alla retrocamera ed ai sensori di parcheggio. La variante della nostra prova, con una lunghezza di circa 4,28 metri, consente di districarsi con una certa agilità anche tra le vie del centro storico, ma colpisce per la reattività al pedale dell’acceleratore che la rende sempre brillante. Silenziosa e rispettosa dell’ambiente grazie al suo motore elettrico da 60 CV, ha una coppia di 225 Nm che arriva alle ruote in maniera istantanea e, nelle trasferte autostradali raggiunge una velocità massima di 130 km/h.

La batteria da 33 kWh promette un’autonomia di 264 km, ma con una guida abbastanza accorta i 200 km reali non sono una chimera, e rappresentano un buon risultato per chi utilizza l’auto in questione in città che è il suo habitat naturale. Per portare a termine una ricarica che consenta di percorrere 200 km utilizzando una wallbox ed una presa da 7 KW il tempo richiesto è di 6 ore, così si può mettere in carica a fine giornata per averla pronta all’azione e con la massima autonomia la mattina dopo.

Prezzo: da 24.000 euro


La Kango Z.E. ICE ha un prezzo di partenza di 24.000 euro, una cifra che può crescere attingendo dalla lista degli accessori, ma bisogna considerare anche gli incentivi e le promozioni per questo genere di veicoli atti a favorirne la diffusione.

  • shares
  • Mail