Mercedes-Benz EQV: monovolume a trazione elettrica

Mercedes-Benz EQV è la versione totalmente elettrica della Classe V, con ben 400 chilometri di autonomia e una semplificazione di viaggio davvero notevole

Mercedes-Benz EQV, un nome che rappresenta una nuova frontiera per la Casa di Stoccarda, perché a tutti gli effetti segna la nascita della prima monovolume premium esclusivamente a trazione elettrica. Un passo verso il futuro, ma che rappresenta una vera e propria opzione anche nel presente, grazie alla sua autonomia fino a 418 chilometri, che la fa essere un'ottima alleata per la mobilità urbana. I punti di forza sono quelli della Classe V, il modello gemello equipaggiato con un motore di tipo convenzionale. Qui la batteria è installata nel pianale in posizione protetta, presentando un baricentro ottimale con il minimo ingombro. La EQV è in grado di ospitare fino a otto persone in molte configurazioni ed è dotata di un bagagliaio ampio e flessibile, con un volume che arriva fino a 1.410 litri.

Il motore elettrico


Il motore elettrico sviluppa una coppia massima di 362 Nm con una potenza massima di 150 kW (204 CV) ed una potenza continua pari a 70 kW (95 CV. L’energia elettrica è fornita dalla batteria agli ioni di litio raffreddata ad acqua con una capacità utilizzabile di 90 kWh. Le sospensioni pneumatiche AIRMATIC con regolazione automatica del livello (disponibili a richiesta) aggiungono una dose extra di comfort di guida. La ricarica può essere effettuata utilizzando sia la corrente alternata (CA) presso la propria abitazione o le stazioni di ricarica pubbliche fino a 11 kW, sia la corrente continua (CC) presso le stazioni di ricarica rapida fino a 110 kW. Grazie alla funzione di ricarica rapida, i conducenti di taxi o di shuttle, possono effettuare la ricarica senza perdere tempo tra un viaggio e l’altro o durante la predisposizione del veicolo. È anche possibile definire il livello di carica della batteria con cui il veicolo suggerisce la prossima sosta per effettuare la ricarica o l’autonomia residua con cui si vuole arrivare a destinazione.

Itinerario intelligente


La gestione è affidata al computer, che permette di programmare un itinerario sapendo in anticipo quanti chilometri si possono fare con l'energia rimasta per completare il tragitto selezionato sul navigatore. In più, con la modalità di guida "D-auto" l'intelligenza artificiale gestisce l’andatura in modo autonomo. Mentre sulla mappa vengono indicate le colonnine libere più vicine, per affrontare un viaggio senza particolari ansie.

  • shares
  • Mail