Porsche Panamera 2021: il restyling

La berlina sportiva tedesca ora disponibile con 3 motorizzazioni ibride plug-in


La nuova Porsche Panamera presentata oggi dal marchio Premium tedesco è un restyling, che non eccede in novità, rispetto alla versione lanciata nel 2016. Migliora leggermente la dinamica di guida e l’efficienza dei motori.

Pochi ritocchi estetici


La novità estetica più rilevante è la presenza del frontale Sport Design di serie su tutte le versioni (prima era optional). Nuova è anche la griglia ridisegnata e coperta con una maglia a quadri. Aggiunge prese d’aria maggiorate sulle fiancate e monta nuovi gruppi ottici scuri al posteriore. Saranno inoltre disponibili 3 nuovi design per i cerchi da 20 o 21 pollici che completano l’offerta con un totale di 10 possibilità diverse.

Infotianment: processore più potente


Gli interni della nuova Porsche Panamera rimangono pressoché invariati. Il sistema di infotainment Pcm adotta però un processore più potente in grado di offrire una  grafica con maggiore risoluzione, nuovi comandi vocali avanzati, connettività Apple CarPlay wireless e nuovi servizi online, tra cui il Risk Radar in grado di leggere le informazioni sulla segnaletica stradale e sul traffico.



Porsche Panamera 2021: le motorizzazioni


Diverse sono invece le novità meccaniche. Per quanto riguarda i benzina, le proposte di accesso sono le versioni a trazione posteriore o integrale che montano il V6 2.9 biturbo da 330 CV e la GTS con il V8 4.0 che aumenta la potenza fino a 480 CV (+20 CV) e 620 Nm.


La versione Turbo S, che sostituisce la Turbo, migliora anch’essa i numeri sulla carta, con il V8 che aumenta la potenza da 550 a 620 CV e la coppia che passa da 770 a 820 Nm. Secondo quanto annuncia Porsche, inoltre, grazie a una ritaratura dell’elettronica Pasm e del servosterzo, la nuova Panamera garantirà anche più equilibrio alla guida.


Le versioni ibride plug-in della nuova Panamera diventano ora tre. Due sono quelle che si riconfermano nel listino: la 4 E-Hybrid  e la Turbo S E-Hybrid che migliorano l’autonomia elettrica del 30%  (fino a 54 km) grazie a alla batteria da 17.9 kWh  e a un sistema di gestione ottimizzato. Nuova è invece la 4S E-Hybrid da 560 CV e 750 Nm che combina il V6 2.9 biturbo da 440 CV al motore elettrico da 136 CV.

  • shares
  • Mail