Salone di Ginevra: cancellata anche l'edizione del 2021

La Fondazione ha deciso di mettere in vendita i diritti dell'evento. In dubbio la continuità della kermesse svizzera

salone di ginevra 2019

Alla fine dello scorso mese di marzo veniva confermata la data del Salone di Ginevra 2021. La kermesse svizzera si sarebbe dovuta svolgere tra il 4 e il 14 marzo del 2021. Il nuovo calendario risollevava così le speranze di tornare a vedere una delle rassegne automotive più importanti al mondo. Ieri, però, il peggiore dei pronostici si è imposto su ogni aspettativa ancora in piedi.


Nel tardo pomeriggio il Comitato della Fondazione del Salone dell’Automobile di Ginevra ha comunicato ufficialmente che non ci sarà l’edizione del 2021. Una nuova doccia fredda dopo la cancellazione, all’ultimo momento, dell’appuntamento dello scorso marzo.


La pandemia del Coronavirus ha così accelerato il lento degrado che negli ultimi anni già avevamo visto contagiare i Saloni internazionali dell’auto. I vari comitati organizzativi avevano provato a trovare soluzioni per ridar vita e interesse alle manifestazioni e renderle soprattutto più sostenibili per le Case automobilistiche.


Per questo la decisione di annullare anche il prossimo Salone di Ginevra 2021 potrebbe avere un effetto a cascata anche sugli altri Saloni già in programma, tra cui l’inedito Salone di Monaco già in calendario in sostituzione del ‘defunto’ salone di Francoforte. La fase drammatica, post-pandemia, che sta vivendo attualmente il settore dell’auto lascia per ora il futuro nell’incertezza più totale, senza contare che la prossima primavera non sappiamo se ci saranno anche solo le condizioni sanitarie adeguate per svolgere alcun tipo di salone.


Dopo la cancellazione del Salone di Ginevra di quest’anno la Fondazione organizzativa aveva chiesto un aiuto finanziario al Cantone di Ginevra per coprire le perdite dovute alla drastica decisione. Perdite stimate attorno agli 11 milioni di franchi svizzeri. A inizio giugno il Gran Consiglio aveva approvato un prestito di 16,8 milioni alla fondazione, ma le condizioni stipulate non avrebbero dato all'organizzazione le garanzie di stabilità finanziaria necessarie.


Ci sarà un edizione del Salone di Ginevra nel 2022? Difficile dirlo. Per ora, ad ogni modo, la Fondazione ha deciso di vendere i diritti sulla kermesse, proprio con l’obiettivo di garantire una continuità all’evento.

  • shares
  • Mail