Peugeot 404: sessant'anni per la creatura di Pininfarina

La storia della media Peugeot 404, prodotta dal 1960 al 1978 in quasi tre milioni di esemplari nel varie declinazioni berlina, coupé, cabriolet, station wagon e pick-up


Sessant'anni fa, precisamente nel mese di aprile del 1960, presso l'impianto francese di Sochaux fu presentata la Peugeot 404, disegnata dall'atelier italiano Pininfarina. Inizialmente disponibile solo nella variante berlina, era proposta con il motore 1600 a benzina sia nella versione a carburatore che nella declinazione ad iniezione, ovviamente affiancato dal propulsore diesel. Tra le innovazioni a livello meccanico, invece, figuravano i freni a tamburo con il servofreno Hydrovac. La gamma cromatica comprendeva anche le particolari colorazioni Arancione Acceso, Grigio Tortora e Blu Laguna per la carrozzeria, mentre l'abitacolo era caratterizzato dai colori Grigio Chiaro, Rosso o Blu Verde.

La gamma della Peugeot 404 fu poi ampliata alle varianti sportive 404 Cabriolet e 404 Coupé, introdotte rispettivamente nel 1961 e nel 1962, il cui assemblaggio finale era curato in Italia direttamente da Pininfarina presso l'omonima carrozzeria. Successivamente debuttarono le station wagon 404 Break con l'abitacolo a cinque o sei posti e 404 Familiale con l'abitacolo a sette o otto posti, affiancate dalla 404 Furgonette a due posti nella configurazione veicolo commerciale, senza dimenticare le varianti con il telaio cabinato e nell'allestimento ambulanza. Nel 1966, invece, la Peugeot 404 Coupé adottò i fari di profondità nella calandra ed uscì di scena nel 1968 per far posto alla sostituta 504 Coupé.

Curiosità legate alla storia della Peugeot 404



L'addio della Peugeot 404, invece, risale al 1975. Tuttavia, la variante pick-up è uscita di produzione nel 1978. Complessivamente, questa media della Casa del Leone è stata prodotta in 2.885.377 esemplari, di cui 1.672.395 unità nella variante berlina, 10.387 esemplari come 404 Cabriolet e 6.837 unità come 404 Coupé. A livello agonistico, la Peugeot 404 ha partecipato alla gara di endurance East African Safari, conquistando le vittorie di categoria nelle stagioni 1961 e 1962, più le vittorie assolute nelle stagioni 1963, 1966, 1967 e 1968, nonché il Grand Prix d'Argentina nelle stagioni 1963 e 1965.

  • shares
  • Mail