La prima elettrica di Subaru si chiamerà Evoltis e sarà progettata con Toyota

Nel 2021 dovremmo vedere il prototipo, nel 2022 entrerà in produzione il modello definitivo

Salone di Ginevra 2019 Subaru Viziv Adrenalin Concept

Subaru è una delle poche marche automobilistiche che sembrano resistere all’auto elettrica al 100%. Ma è solo questione di tempo. In realtà la Casa giapponese sta già lavorando alla sua prima auto a zero emissioni, in collaborazione con il partner Toyota. Il risultato sarà la Subaru Evoltis, prima auto della Casa delle Pleiadi a non essere spinta da un motore termico.

Carrozzeria crossover e una nuova piattaforma modulare


Secondo le prime indiscrezioni la Subaru Evoltis dovrebbe arrivare nel 2021 con carrozzeria crossover e con una nuova piattaforma modulare che potrà essere utilizzata per diversi segmenti, sia per veicoli elettrici che ibridi. Come nel caso delle gemelle diverse GT86 e BRZ, anche questo progetto si differenzierà esteticamente peri due modelli. La crossover elettrica di Subaru sarà dotata di trazione integrale e per questo monterà più di un motore elettrico, con una potenza di circa 300 CV distribuita sulle 4 ruote. L’autonomia dovrebbe sfiorare i 480 km con una ricarica.

Toyota e Subaru, sempre più vicine


Oltre alla conferma di questo progetto e allo sviluppo congiunto della seconda generazione delle coupé sportive (BRZ e GT86), i due machi hanno anche confermato l’incremento nella partecipazione reciproca del capitale, con Toyota che passerà dall’attuale 16,83% al 20% e Subaru che acquisirà 676 milioni di euro di azioni Toyota. Se tutto dovesse andare secondo i piani e l’industria automotive dovesse riattivarsi rapidamente dopo la crisi del Coronavirus, potremmo vedere la Subaru Evolits già al prossimo Salone di Tokyo del 2021, sul mercato nel 2022.

  • shares
  • Mail