Nissan: lo schermo orizzontale a "onda" del concept Ariya

La Casa di Yokohama anticipa il futuro sistema di infotainment dei suoi futuri modelli


Con il nuovo concept Ariya, Nissan anticipa il futuro dell’interfaccia uomo-macchina che vedremo sui futuri modelli della gamma di Yokohama. L’approccio della Casa giapponese opta per una soluzione che si discosta dagli ormai tradizionali touchscreen tipo tablet montati al centro della plancia e sceglie un unico schermo orizzontale per strumentazione e infotainment, sul genere della soluzione scelta, ormai da tempo, anche dai modelli Mercedes-Benz. 



Una soluzione razionale e sicura


In realtà il sistema - in fase di progettazione denominato Monolite, in omaggio al film 2001 Odissea nello Spazio”, è composto da due display con un andamento curvilineo, che secondo Nissan ricorda un’onda. Una soluzione non solo estetica, ma soprattutto razionale ed ergonomica, come ha spiegato Tomomichi Uekuri, Senior Manager del team di progettazione HMI:


“Durante la guida l’occhio umano tende naturalmente a guardare da un lato all’altro. Il cervello è in grado di vedere e assorbire più informazioni se vengono collocate in orizzontale. Anche la visione periferica funziona in questo modo.”



Le informazioni scorrono tra i due schermi


Pur essendo separati, i due display del sistema di Nissan comunicano tra loro ed è possibile far scorrere le informazioni da uno schermo all’altro. La sezione dietro al volante visualizza le informazioni di guida raggruppando il quadro strumenti con modalità simili alle auto tradizionali, mentre lo schermo centrale è dedicato alle informazioni di intrattenimento, ai comandi delle funzionalità di comfort e allo stato del sistema.


L’innovativa struttura a onda del display si basa su un design ergonomico sia per il quadro strumenti, sia per il display centrale. Questo ottimizza la visibilità, permettendo al tempo stesso a chi guida di raggiungere agevolmente il touch screen del display centrale,” ha spiegato Uekuri.

  • shares
  • Mail