Peugeot 106 GTI 16 valvole: piccola belva

Per divertirsi davvero, senza svenarsi sul piano economico, la Peugeot 106 GTI 16 valvole era un'ottima scelta

La Peugeot 106 GTI 16 valvole è una di quelle piccole "belve" prodotte nel tempo dalla casa francese. Questa versione pepata prese forma con la seconda serie del modello, che traghettava la 106 dal segmento A al segmento B, in virtù della crescita dimensionale, dovuta al leggero aumento degli sbalzi.

Un face lifting di metà carriera che portò ad una rivisitazione completa nella linea e negli interni, oltre che nella meccanica.

Versione più potente della famiglia, la Peugeot 106 GTI 16 valvole regalava grandi soddisfazioni agli utilizzatori, grazie alla spinta dei suoi 120 cavalli a 6000 giri al minuto. Il motore ha una cilindrata di 1.6 litri ed offre una distribuzione bialbero con quattro valvole per cilindro.

Il sistema di alimentazione è realizzato da Magneti Marelli ed è abbinato ad iniettori "Pico" con quattro fori, in grado di ottimizzare la nebulizzazione del carburante e, di conseguenza, il rendimento del sistema propulsivo. Fra i suoi plus, l'elasticità e la capacità di salire presto di giri.

A fare il resto ci pensano la compattezza della vettura, la sua leggerezza e l'assetto ben riuscito, che regalano agilità, divertimento ed efficacia di guida. Proprio quello che cercano gli appassionati, per vivere emozioni dinamiche di notevole qualità. Del resto, la scelta della sigla GTI, usata con successo nella 205, non è stata casuale.

Le due auto, nate a distanza di dieci anni una dall'altra, hanno saputo far divertire i giovani e meno giovani dell'epoca, pur con temperamenti diversi. A favore della Peugeot 106 a 16 valvole gioca l'estrema rarità: ne furono prodotte complessivamente solo 34.615, contro le 294.514 unità della 205 GTI (tra 1.6 e 1.9 litri). Questo può fare la differenza nella prospettiva collezionistica.

  • shares
  • Mail