Coronavirus, Mazda rivede la sua attività produttiva

Le attività di vendita continueranno in alcuni Paesi. In Europa verranno adottate le misure appropriate nel rispetto delle politiche messe in atto per prevenire la diffusione del virus

In risposta alla diffusione globale del coronavirus, Mazda ha deciso di adeguare a livello mondiale la produzione nei suoi stabilimenti in conseguenza delle difficoltà di approvvigionamento dei componenti, del crollo delle vendite sui mercati esteri e dell’incertezza sulle vendite future.

Sospensione per 13 giorni


Difatti, nel periodo che va dal 28 marzo al 30 aprile, Mazda prevede di sospendere la produzione per 13 giorni e di attivare i soli turni diurni per otto giorni negli stabilimenti di Hiroshima e di Hofu. Monitorando lo sviluppo della situazione, Mazda intende spostare parte della produzione originariamente prevista per questo periodo al secondo trimestre dell’anno fiscale che termina a marzo 2021 o più avanti. In questo stesso periodo le attività amministrative verranno svolte normalmente.

Le attività di vendita


Per quanto riguarda gli impianti esteri, Mazda de Mexico Vehicle Operation, il sito produttivo in Messico, chiuderà per circa dieci giorni a partire dal 25 marzo e AutoAlliance Co. Ltd., lo stabilimento in Thailandia, sospenderà la produzione per un periodo analogo a partire dal 30 marzo. Le attività di vendita continueranno in alcuni Paesi tra cui Giappone e Cina; per altre regioni, come l’Europa, verranno adottate le misure appropriate nel rispetto delle politiche messe in atto per prevenire la diffusione del virus e Mazda farà tutto il possibile per ridurre al minimo l’impatto sulle vendite e sulle attività di assistenza per i propri Clienti.

  • shares
  • Mail