Coronavirus: Ferrari pronta a produrre i ventilatori polmonari

Siare Engineering, il più grande produttore italiano di ventilatori polmonari, riceverà risorse anche da FCA e Marelli


Ferrari scende in prima linea nella battaglia al Coronavirus. La Casa di Maranello sarebbe infatti pronta a iniziare la produzione, presso il suo famoso stabilimento, di parti di ventilatori polmonari che serviranno a mantenere in vita i malati gravi nei reparti di terapia intensiva degli ospedali italiani.

Un accordo con Siare Engineering


Questa operazione, ancora non confermata da Ferrari - rientrerebbe nell’ambito di un accordo che Siare Engineering - il più grande produttore italiano di ventilatori - starebbe cercando di portare a termine con la Casa del Cavallino, FCA e Marelli.


Nell’ambito di questa partnership i marchi dell’industria automobilistica potrebbero mettere a disposizione tecnici, impianti e tecnologie per aumentare la produzione di ventilatori. Si tratta ora solo di capire se si opterà per l’esternalizzazione della produzione presso gli impianti automobilistici.


Il governo italiano avrebbe infatti richiesto a Siare di aumentare la produzione mensile da 160 a 500 ventilatori.Gianluca Preziosa, l’amministratore delegato di Siare, la piccola impresa bolognese con solo 35 lavoratori, ha dichiarato: «Stiamo parlando con FCA, Ferrari e Marelli per cercare di capire se possono darci una mano per la parte elettronica».

Le Case automobilistiche contro il Coronavirus nel mondo


In tutto il mondo al momento sono molte le Case automobilistiche che si stanno schierando per la produzione di materiali essenziali nella lotta al Covid-19. Il governo inglese si sarebbe infatti già rivolto a Honda e Rolls Royce, Donald Trump starebbe già organizzandosi con Ford e General Motors e anche Elon Musk, con la sua Tesla, sarebbe pronto a scendere in campo nella battaglia.

  • shares
  • Mail