RC Auto e Moto familiare: come funziona?

Dal 16 febbraio sarà attiva la nuova RC auto e moto familiare, che porterà alcuni interessanti vantaggi al nucleo familiare.

Dal 16 febbraio entrerà in vigore la nuova nuova RC Auto e moto familiare, che renderà possibile ai cittadini applicare la classe di merito più conveniente tra quelle applicate dei veicoli di proprietà dello stesso nucleo familiare, e sarà valida sia per i nuovi contratti che per i rinnovi di quelli già esistenti. Secondo, però, una prima indagine questa nuova proposta è all'oscuro della maggior parte degli italiani. Coloro che ne usufruiranno saranno un gran numero di persone, nella fattispecie i nuclei familiari che possiedono almeno un’auto e un motoveicolo. L’Rc auto familiare prevede che per assicurare il veicolo a due ruote (o viceversa) i componenti della famiglia potranno usare la classe di merito più favorevole tra quelle maturate da un membro qualsiasi del nucleo. Saranno circa 3 milioni di famiglie ad usufruirne.

Differenza con la Legge Bersani


Oggi con la Legge Bersani si può già usufruire della classe di merito più favorevole maturata su un’auto per assicurare un’altra auto, ma c'è un limite: si deve trattare di un veicolo che viene acquistato e non un veicolo già di proprietà. Adesso, con la nuova RC Auto familiare questo vincolo scompare, e così il bonus sarà valido anche per veicoli che appartengono già ai membri del nucleo familiare (applicabile al momento del rinnovo del contratto). Ci sono però dei limiti: non potranno usufruire del beneficio gli assicurati che sono già in prima classe di merito, le famiglie che possiedono un unico veicolo e tutti coloro che hanno causato un sinistro con colpa nei cinque anni precedenti alla richiesta.

Categoria escluse


Abbiamo accennato a chi rimane escluso, una categoria è quella delle famiglie che possiedono un solo veicolo, secondo i primi dati sono il 30,6%, pari a 5,2 milioni di famiglie. Una percentuale che aumenta ancora di più tra i residenti nelle regioni del Sud e nelle Isole, dove tocca quota 38,3%. Altri esclusi sono coloro che appartengono già alla prima classe di merito, che nel Bel Paese sono circa 2,8 milioni di famiglie, mentre coloro che hanno causato un sinistro con colpa potrebbero essere 1,2 milioni, e anch'essi non potranno usufruire di questa nuova interessante proposta assicurativa.

  • shares
  • Mail