Renault Mégane: prime indiscrezioni sul restyling

La principale novità della rinnovata Renault Mégane sarà l'inedita versione E-Tech a propulsione ibrida Plug-In da 160 CV di potenza complessiva, in arrivo entro fine anno.


La Renault Mégane sarà sottoposta quest'anno al restyling di metà carriera che, molto probabilmente, verrà svelato al prossimo Salone di Ginevra 2020 in programma nel mese di marzo. Oltre alla variante hatchback a cinque porte, il rinnovamento estetico riguarderà anche i modelli Sporter con la carrozzeria station wagon e Grand Coupé con la carrozzeria berlina a quattro porte.

Stilisticamente, la nuova Renault Mégane restyling condividerà i nuovi elementi di design portati al debutto dalla quinta generazione della utilitaria Clio, nonché dalla seconda generazione della SUV di piccole dimensioni Captur. Inoltre, sarà aggiornato anche il sistema multimediale R-Link, soprattutto con nuove funzioni.

Tuttavia, la principale novità della rinnovata Renault Mégane sarà rappresentata dall'inedita versione E-Tech a propulsione ibrida che debutterà sul mercato europeo entro fine anno. La compatta della Losanga sarà disponibile solo nella configurazione con la tecnologia Plug-In da 160 CV di potenza, grazie all'abbinamento tra il motore a benzina 1.6 aspirato e i due propulsori elettrici, mentre la batteria agli ioni di litio da 9,8 kWh garantirà 50 km di autonomia in modalità elettrica e consentirà di percorrere 100 km con il consumo di solo 1,5 litri di carburante.

Per il resto, la gamma della Renault Mégane restyling dovrebbe comprendere le attuali motorizzazioni, ovvero il propulsore a benzina 1.3 TCe nelle declinazioni da 115 CV, 140 CV e 160 CV di potenza, più le unità a gasolio 1.5 BluedCi da 95 CV o 115 CV di potenza e 1.7 BluedCi da 150 CV di potenza, anche in abbinamento al cambio automatico EDC a doppia frizione.

  • shares
  • Mail