Ferrari F1 2020: la nuova monoposto sarà svelata a Reggio Emilia

Nella città del tricolore sarà tolto il drappo alla prossima Ferrari di Formula 1, chiamata a tenere alti i colori italiani nel motorsport. L'appuntamento è per l'11 febbraio.

Per la presentazione della nuova monoposto Ferrari di Formula 1, la scuderia del "cavallino rampante" ha scelto lo storico Teatro Municipale Romolo Valli di Reggio Emilia. Il rendez-vous, molto atteso dagli appassionati, è previsto per le 18:30 di martedì 11 febbraio, quando le forme e alcune caratteristiche tecniche della prossima "rossa" saranno svelate al mondo.

Presenti alla cerimonia, insieme ai vertici dell'azienda, i piloti Sebastian Vettel e Charles Leclerc, chiamati a difendere i colori del leggendario team di Maranello nella prossima stagione agonistica.

Grandi le aspettative, perché l'appuntamento con la gloria iridata manca all'appello da troppo tempo a Maranello: l'ultimo titolo conduttori è stato guadagnato nel 2007 con Kimi Raikkonen, mentre il più recente successo mondiale fra i costruttori risale al 2008.

La scelta di Reggio Emilia come sede del vernissage della prossima monoposto Ferrari di Formula 1 si lega al fatto che la città emiliana è stata quella dove 223 anni fa è nato il tricolore, poi adottato come bandiera dall'Italia dopo l'unificazione. Un omaggio al Belpaese e al suo vessillo, presente nel simbolo della scuderia.

L'evento di presentazione potrà essere seguito in diretta streaming sulle piattaforme digitali del marchio del "cavallino rampante", per dare la possibilità a tutti di vivere le emozioni del lancio di un modello da corsa sul quale si riversano molte speranze, dopo tanti bocconi amari.

Il debutto in pista della nuova monoposto avverrà la settimana successiva, per i test pre-stagionali in programma sul circuito di Barcellona-Catalunya, a Montmelò, in Spagna. Dietro la data anticipata, rispetto alla presentazione di altri bolidi del Circus, c'è una precisa motivazione: avere più tempo da dedicare alle prove sui banchi, prima del battesimo in pista. Del resto, la stabilità regolamentare, non consente grandi rivoluzioni sulle monoposto, quindi forse il percorso è quello giusto.

Il team principal Mattia Binotto, alla vigilia di Natale, aveva messo a tacere alcune voci su un possibile cambio cromatico del futuro bolide della scuderia emiliana: "Sarà ancora rosso opaco e nascerà come sviluppo del progetto intrapreso quest'anno". L'obiettivo, quando si parla di Ferrari, non può che essere la vittoria ed anche se i manager di Maranello preferiscono la prudenza, è chiaro che dentro covano questa voglia, magari mascherata da un linguaggio diplomatico, per evitare i rischi degli sbilanciamenti.

La nuova Ferrari F1 2020 (la cui sigla di progetto è 671) punterà molto sulla deportanza, per renderla più efficace in curva. Altri temi chiave del pacchetto saranno la ricerca della massima affidabilità e la riduzione degli errori umani, per superare alcuni aspetti lacunosi del recente passato. 

  • shares
  • Mail