Nissan smentisce il divorzio da Renault

Con una nota ufficiale la Casa di Yokohama nega le indiscrezioni delle ultime ore

Logo Nissan

La firma giapponese Nissan ha negato questa mattina i presunti piani per rompere l’alleanza con il Gruppo francese Renault, diffusi nella serata di ieri. Con un comunicato ufficiale la Casa di Yokohama ha specificato che l’alleanza continua ad essere “ la sua fonte di competitività”.


La smentita. Il marchio nipponico contraddice così le versioni non ufficiali pubblicate nelle precedenti ore, che avanzavano la possibilità che alcuni dirigenti Nissan stessero esplorando, già dallo corso anno, l’opzione di rompere il patto con Renault, stipulato ormai già da una decade. Secondo Bloomberg, le relazioni tra le due Case automobilistiche starebbero funzionando in modo 'inefficiente' fin dall’inizio della loro partnership, guidata da Carlos Ghosn.


"Solo congetture". Il comunicato della compagnia giapponese sostiene che si tratta di congetture dei mezzi di comunicazione internazionali e nega chiaramente di star prendendo in considerazione il divorzio. L’alleanza è la fonte della competitività di Nissan”, si legge nel comunicato, dopo aver ricordato che le due imprese, insieme a Mitsubishi, avevano formato, a marzo scorso, un direttivo operativo congiunto per l’esito futuro dei tre marchi. Questo consiglio direttivo è stato da allora l’unico organismo che supervisiona le operazioni e il governo dell’alleanza”, aggiunge la nota, e grazie a questa alleanza “Nissan continuerà a cercare risultati e benefici per tutti i partner dell’alleanza”.


Tonfo in borsa. La smentita di Nissan non è però stata ricevuta positivamente dalla borsa. Le azioni di Yokohama hanno perso un 2,97%, con i peggiori valori dell’indice Nikkei 225 della borsa di Tokyo nella giornata di oggi. Il prezzo delle azioni è caduto a 618 yen (5,04 euro), a fronte dei 636 yen (5,20 euro) con cui aveva chiuso venerdì scorso (lunedì festivo in Giappone).

  • shares
  • Mail